28 Febbraio 2021 Segnala una notizia

Lissone, il lato oscuro dell’Unità d’Italia. Mameli è pretesto o divisione?

15 Marzo 2011

comune_lissoneLa ricorrenza è ghiotta. Giovedì, come sappiamo, si celebra il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia: un’occasione per lanciare qualche stoccata politica. È il caso di Lissone, dove, venerdì scorso, in sede di consiglio comunale, alcuni consiglieri, di propria iniziativa, armati di bandiere tricolore, hanno intonato l’inno di Mameli.

«Per reazione – si legge dai blog del Listone e del Pd – al mancato adempimento di una decisione votata mesi fa dal Consiglio comunale, la trasmissione dell’inno nazionale ad inizio di ogni seduta».

Il coro artigiano, carente, com’era prevedibile, della preziosa intonazione dei leghisti e, quindi, anche del sindaco di Lissone, Ambrogio Fossati, ha esposto il fianco padano alle critiche della minoranza, che non ha certo esitato a bombardare i Lumbard: «I padani: impongono a tutti i loro simboli e i loro idoli, da Miglio al Sole delle Alpi, però non vogliono riconoscere quelli comuni a tutto lo Stato, in nome del quale sono stati eletti o nominati! Ma state pure comodi: i vostri gesti vi qualificano per quello che siete. E prima o poi anche l’Italia si vergognerà di voi, come voi vi siete vergognati di lei».

Eccola la stangata del Listone. A cui fanno eco i più moderati democratici: «Anche in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia questa maggioranza non esita ad esprimere il peggio di sé manifestando anche nel caso di una ricorrenza che dovrebbe unire, solo divisioni e rancori».

Composta ma inequivocabile la replica di Ambrogio Fossati: «L’esibizione estemporanea e chiassosa della minoranza ha rasentato i limiti del vilipendio. Tengo a precisare di non essere stato il diretto responsabile del rinvio della delibera riguardante la filodiffusione dell’inno prima delle sedute di consiglio. Si tratta di un pretesto, di un uso improprio, uscirò dall’aula al momento della regolamentazione. Se festeggerò giovedì? Mi limiterò a ricordare, da festeggiare non c’è molto».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi