05 Marzo 2021 Segnala una notizia

Dopo lo tsunami Laura Faccio fa il tifo per il Giappone: «Ce la dobbiamo fare»

18 Marzo 2011

campionati-del-mondo-ekiden-1983-manifesto«Guardando le immagini catastrofiche del maremoto che ha colpito il Giappone ricordo di un’esperienza sportiva vissuta proprio in quei luoghi». Laura Faccio, carnatese, ripensa alla grande ospitalità di quel Paese, oltre ad una organizzazione esemplare, alla disponibilità e alla gentilezza dei suoi abitanti nei confronti di tutti gli atleti. Un popolo che ora soffre a causa del sisma e del conseguente tsunami.

Un disastro che ha colpito e coinvolto luoghi in cui lei è stata per gareggiare in occasione dei Campionati del Mondo di staffetta su strada Ekiden a Yokoama, nel 1983, con la nazionale italiana di atletica leggera. É vicina al popolo giapponese da cui ha ricevuto grande affetto. Ora molti degli sfollati sono ospitati nello stadio di Yokoama che aveva visto lo svolgersi di quel campionato, in cui faceva la prima frazione. Nella foto pubblicata in questa pagina, esposta in tutta Tokio l’anno successivo, nel 1984, Laura Faccio è la numero 41.

I Campionati del Mondo di staffetta su strada Ekiden si svolgono dal 1980. Ogni nazione presenta 6 atleti e atlete che si danno il cambio dopo aver percorso ciascuna una distanza di circa 7/8 chilometri, sino a completare la distanza dei classici 42,195 metri, cioè la distanza della maratona. A questa manifestazione l’Italia ha sempre giocato un buon ruolo, anche il mitico Stefano Baldini ha partecipato a suo tempo, così come altri grandi campioni. Il paese che ospita questa anomala staffetta è da sempre il Giappone e Laura Faccio ha avuto al fortuna di parteciparvi due volte, la prima nel 1983 a Yokoama e la seconda nel 1988 a Chiba.

Guardando la tv e le incredibili immagini della devastazione, vedendo un servizio che mostrava proprio un’infinità di persone sistemate nello stadio di Yokoama, la percezione del disastro che ha fatto il maremoto in Giappone, proprio lì dove aveva corso, ha lasciato in Laura sconforto. Incredulità e nello stesso tempo angoscia, dispiacere profondo. Le scolaresche che nel lontano 1983 avevano partecipato in massa alla visione della manifestazione, adesso saranno uomini e donne di 35-40 anni e tutti, più o meno, saranno stati colpiti dalla tragedia. Laura si sente più che mai vicina a questo popolo che, tanto educato e composto, sta soffrendo di fronte a un disastro troppo grande e doloroso. Essere stati ospiti, ed essersi trovati benissimo in un luogo e con i suoi abitanti, aumenta il trasporto emotivo.

«Forza Giappone ce la dovete, anzi, ce la dobbiamo fare a reagire e ripartire».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi