26 Febbraio 2021 Segnala una notizia

Aperta l’indagine UE sull’area chimica di Cengio in Liguria

21 Marzo 2011

La Commissione europea chiede all’Italia di conformarsi alle norme UE per garantire che un progetto di riabilitazione del sito chimico a Cengio, in Liguria non presenta rischi per la salute o l’ambiente. Finora l’Italia non è riuscita ad affrontare in modo soddisfacente il problema, e quindi, su raccomandazione del commissario europeo per l’ambiente Janez Poto?nik, la Commissione ha deciso di inviare un parere motivato alle autorità italiane, che hanno due mesi per rispondere. In mancanza di una risposta soddisfacente, la Commissione può deferire il caso alla Corte di giustizia europea.

Il caso riguarda la ristrutturazione di una ex area industriale di Cengio, che comprendeva una discarica di terreni contaminati e rifiuti pericolosi. La direttiva europea sulla valutazione dell’impatto ambientale dice che i progetti che possono avere effetti significativi sull’ambiente in virtù della loro natura, dimensione o ubicazione, devono essere sottoposti a una valutazione del loro impatto ambientale prima del rilascio dell’autorizzazione. La valutazione è obbligatoria per gli impianti di smaltimento dei rifiuti per la discarica di rifiuti pericolosi. Tuttavia, il progetto di Cengio è stato approvato dalle autorità italiane, senza essere sottoposto a questa procedura obbligatoria.

Dato che questo sito non è riconosciuto come una discarica o come una discarica riabilitata, questo può anche significare che i severi requisiti della direttiva sulle discariche di rifiuti per la protezione dell’ambiente e della salute umana non sono stati seguiti. Le discariche contenenti rifiuti pericolosi possono essere estremamente dannose per l’ambiente e la salute pubblica, dato che delle sostanze chimiche tossiche possono filtrare nelle acque sotterranee locali. Devono pertanto essere attentamente costruite, gestite e monitorate prima e dopo la loro chiusura.

Sul caso di Cengio, la Commissione europea ha inviato l’Italia una lettera di diffida il 9 ottobre 2009 evidenziando la necessità di garantire che questa categoria di progetti potenzialmente dannosi siano autorizzati, realizzati e controllati nel pieno rispetto delle due direttive citate sulla valutazione dell’impatto ambientale e sulle discariche. Ma nel frattempo l’Italia non è riuscita a convincere la Commissione che i requisiti necessari per tutelare la salute umana e sull’ambiente siano state soddisfatte, e quindi è partita la procedura europea.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi