27 Febbraio 2021 Segnala una notizia

Il petrolio del Lambro come la diossina di Seveso. Allevi: «Direttiva salva fiume»

24 Febbraio 2011

workshop_lambro_mbL’attentato ambientale al fiume Lambro come la tragedia di Seveso. Il parallelo, tutto brianzolo, corre attraverso 34 anni e riassume due pagine nerissime della storia nostrana. È Dario Allevi, presidente della provincia di Monza e Brianza, durante il worshop designato dalle istituzioni a un anno dalla marea nera, ad abbozzare la corrispondenza.

«Mettiamo in campo una ‘direttiva Lambro’, – è la proposta del presidente – analoga a quella sevesina del dopo Icmesa, in grado di costruire nuovi modelli, nuovi metodi e protocolli, regole più stringenti ed efficaci: su questo siamo chiamati a dare risposte, affinché un disastro ambientale di tale portata non si ripeta più».

«Ci costituiremo parte civile in ogni sede processuale – ha quindi chiosato Allevi – non solo per recuperare i danni economici (si è parlato di oltre 2 milioni di euro, ndr) ma soprattutto per i danni ambientali, sociali e morali che non si possono cancellare con un colpo di spugna».

lambro-petrolio3Durante la mattinata, nella sede del depuratore di San Rocco, coprotagonista proprio malgrado dell’infausto 23 febbraio scorso, si sono voluti ripercorrere i primi momenti dell’emergenza e le modalità di gestione degli interventi, rimarcando il «gioco di squadra» tra enti, Protezione Civile e istituzioni preposte; «circa la metà degli idrocarburi fuoriusciti dalla Lombarda Petroli furono asportati dal depuratore di San Rocco, non intaccando il Lambro», questo il moto d’orgoglio, a un anno dal sinistro, ribadito in coro dai presenti.

Che sono passati, quindi, a snocciolare proposte e dati, ricette per il Lambro; da Emiliano Ronzoni, presidente del Parco della Valle del Lambro, che suggerisce «di costruire un sistema di lanche: delle vasche naturali dove stivare ciò che resta del materiale inquinante e tenerlo sotto controllo», a Oronzo Raho, presidente di Brianzacque, che caldeggia un «118 a cui segnalare i vari episodi di emergenza inquinamento», passando per Alsi, Legambiente e Wwf, tutti determinati a «tutelare il Lambro», attraverso studi, ricerche e monitoraggi di sorta.

Il fiume, dal canto suo, apprezzerà certamente la mobilitazione ma spera, ne siamo certi, di non conteggiare anche nel 2011 gli oltre 400 interventi effettuati l’anno scorso dalla polizia provinciale, confidando, ottimisticamente, nel senso civico e nella responsabilità di tutti i brianzoli.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi