08 Marzo 2021 Segnala una notizia

Desio, in 500 scrivono a Napolitano: no a questa Pedemontana

20 Febbraio 2011

pedemontanaAvranno sicuramente altro a cui pensare, Giorgio Napolitano e Silvio Berlusconi, eppure un nutrito gruppo di cittadini di Desio pensa, e spera, che possano trovare un attimo di tempo anche per ascoltare le loro richieste. Quali? Di fermare, o almeno variare in maniera considerevole, la Pedemontana.

In 500 e passa hanno firmato una lettera inviata alle due massime cariche dello Stato, e a scendere anche a Formigoni, Allevi e al commissario prefettizio Maria Carmela Nuzzi, per esporre i propri dubbi e le proprie, fortissime, preoccupazioni per la nuova autostrada che passerà sotto le proprie abitazioni. Un’iniziativa che si aggiunge a quella che li ha visti chiedere aiuto a un avvocato per la tutela dei propri interessi sul fronte degli espropri.

Nel documento, i cittadini riunitisi in Comitato – sostenuti da ex consiglieri comunali e professionisti – evidenziano una serie di pericoli, a loro giudizio: quello di un progetto vecchio “di una autostrada a otto corsie che passa a cielo aperto tra le nostre case senza il rispetto delle normative vigenti”; di ingorghi nella viabilità locale, di aumento dell’inquinamento e delle relative malattie, di spreco di denaro pubblico, di sbancamento di terreni che racchiudono la diossina dell’ex Icmesa, di infiltrazioni della ‘ndrangheta.

E si pongono numerosi interrogativi: «È normale che questa autostrada non sia intermodale? Ovvero che non comunichi con le ferrovie grazie a nodi di interscambio per spostare merci da gomma a ferro e viceversa? E’ normale che Pedemontana mostri disinteresse per le innumerevoli discariche presenti sul proprio tracciato, anzi faccia di tutto per evitarle e non bonificarle? È normale che tutto questo lo paghi la Brianza? È normale che tutte le modifiche che sono state fatte siano state fatte non per fare meglio l’autostrada, ma per risparmiare sul bilancio? (opera fatta con soldi nostri poi…). Di modifica in modifica, i tracciati sono passati da interrati a trincea in mezzo ai paesi. Le gallerie sono rimaste solo a Macherio. È normale che tutte le richieste fatte da cittadini per impattare in maniera minore sul territorio, e magari con un risparmio economico per Pedemontana, non siano state accolte?».

Domande che hanno rigirato ai più alti vertici del nostro Paese, sperando in un aiuto, perchè «l’opera così come oggi è concepita – scrivono – devasta la città di Desio, così come molti altri Comuni della Brianza, e certamente non fornisce alcun vantaggio né al territorio né ai cittadini. Nemmeno chi userà l’autostrada avrà grandi benefici: a fronte di un pedaggio tre volte superiore a quello di Autostrade per l’Italia, la società Pedemontana spa si è posta come obiettivo di ridurre il tempo di percorrenza da Bergamo a Malpensa, passando dagli attuali millantati 90 minuti a 60 minuti. Possono questi millantati 30 minuti di risparmio previsti, giustificare lo scempio del territorio e i danni non rimediabili per la salute dei cittadini? Leggendo la Costituzione noi siamo sicuri di poter dire di no».

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi