01 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Registrate in Europa più di tre milioni di sostanze chimiche pericolose

18 Gennaio 2011

Più di tre milioni di notifiche sulla classificazione delle sostanze chimiche pericolose sono pervenute all’Agenzia europea per le sostanze chimiche di Helsinki (l’ECHA) entro le scadenze previste dal nuovo regolamento europeo del settore, noto come REACH. Tutte le imprese che fabbricano o importano sostanze chimiche sono state sollecitate a classificarle entro il 1° dicembre 2010 e a notificarle all’ECHA entro il 3 gennaio 2011. La classificazione è essenziale per stabilire se una sostanze chimica sia pericolosa per la salute e per l’ambiente e determinerà le informazioni da apportare sulle etichette delle sostanze chimiche che i lavoratori e i consumatori utilizzano.

Le nuove regole sono stabilite nel regolamento UE sulla classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze chimiche che allinea il sistema di classificazione UE al Sistema mondiale armonizzato delle Nazioni Unite, per assicurare che gli stessi rischi siano descritti ed etichettati allo stesso modo in tutto il mondo. Questi dati consentiranno all’ECHA di predisporre il primo inventario europeo delle sostanze pericolose e delle classificazioni armonizzate.

Il Vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l’industria e l’imprenditoria, ha affermato: “Il primo inventario di tutte le sostanze pericolose nell’UE assicurerà che tutte le imprese – comprese quelle di piccole dimensioni – e i consumatori dispongano delle informazioni necessarie per un uso sicuro delle sostanze chimiche. Sono orgoglioso del fatto che l’Europa sia all’avanguardia nella promozione della sostenibilità e della concorrenzialità dell’industria chimica europea.”

A partire dal 1° dicembre 2010 le imprese che immettono sostanze sul mercato dell’UE devono soddisfare i requisiti del nuovo regolamento relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio. Dal 3 gennaio i fabbricanti e gli importatori devono notificare la classificazione delle sostanze all’ECHA. Ben 3.114.835 notifiche sono state presentate.

Le sostanze e le miscele devono essere classificate secondo classi e categorie specifiche di rischio e etichettate con opportuni pittogrammi di pericolo, avvertenze, indicazione di pericolo e consigli di prudenza. Ciò è importante per assicurare che le informazioni siano trasmesse adeguatamente a tutti gli utilizzatori delle sostanze e che siano garantiti livelli equivalenti di protezione. I fabbricanti e gli importatori che immettono sostanze pericolose sul mercato per la prima volta successivamente alla scadenza devono notificare la classificazione all’ECHA entro un mese.

Il principale obiettivo del regolamento CEI è la protezione della salute umana e dell’ambiente, ma si vuole anche agevolare il funzionamento del mercato unico dell’UE armonizzando la classificazione delle sostanze chimiche e delle loro miscele.

L’industria avrà la responsabilità di concordare la classificazione di tutte le sostanze. Tuttavia, per rischi particolarmente gravi – come nel caso di sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione – le autorità nazionali e l’ECHA riesamineranno tutte le informazioni disponibili e proporranno classificazioni armonizzate che la Commissione renderà obbligatorie.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi