04 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Sospettato per l’omicidio di Rita Bestetti, Daniele Pullano si offre per il confronto del dna

23 Luglio 2010

palazzo-via-pellegrini-monzaSi era offerto volontario per un prelievo del suo dna per scagionarsi dall’omicidio di Rita Bestetti, la monzese di 66 anni uccisa la sera del 6 giugno scorso nella sua abitazione in via Pellegrini. La Procura ha nominato una consulenza tecnica che in questi giorni esaminerà il profilo genetico di Daniele Pullano, il 20enne fermato il 18 giugno perché ritenuto il presunto killer della donna.

Rita Bestetti, pensionata residente in un caseggiato poco lontano da Pullano, lo conosceva perché era amico di suo figlio. Secondo le ricostruzioni della Squadra Mobile di Milano, coordinata dal Sostituto Procuratore Manuela Massenz, Daniele sarebbe stato più volte minacciato di denuncia dalla vittima, perché preoccupata del cattivo esempio che il giovane avrebbe dato al suo Alessandro, 27enne e più piccolo dei tre figli della donna.

La sera del 6 giugno, sempre secondo gli investigatori, Daniele sarebbe andato a cercare Alessandro, che però era fuori città con la fidanzata, trovandosi faccia a faccia con sua madre. All’ennesima ramanzina della donna, Pullano l’avrebbe aggredita prima con un coltello, recidendole gola e mani e poi con un ferro da stiro, con il quale avrebbe sferrato alla donna un colpo mortale alla nuca. Prima di abbandonare l’appartamento inoltre, il killer ha aperto i rubinetti del gas, forse nel tentativo di far saltare in aria l’appartamento, senza accorgersi di una finestra rimasta aperta.

Il 20enne però, dopo una confusa ricostruzione dei fatti fornita ai poliziotti che lo hanno fermato qualche giorno dopo, avrebbe poi dichiarato di essere innocente. Tramite il suo legale, il ragazzo ha raccontato di essere entrato in casa dopo aver suonato ad un vicino e, una volta alla porta della Bestetti di essere entrato in casa e di averla trovata già cadavere. La paura di essere incolpato dell’omicidio, lo avrebbe poi spinto a fuggire senza avvertire le forze dell’ordine.

La squadra di esperti della Scientifica di Milano però, ha rinvenuto sulla porta di casa un’impronta insanguinata, corrispondente proprio a Daniele, oltre a del vomito nel water di casa della donna. Pullano quindi, per dimostrare la sua innocenza, si è dichiarato disponibile al prelievo del dna, perché venga confrontato con tutte le tracce biologiche rinvenute sul luogo del delitto. Il consulente nominato dal Pm è l’ex vicecomandante dei carabinieri del Ris di Parma, Maurizio Capra, mentre un esperto dell’Istituto di Medicina Legale di Milano, è stato scelto come consulente dall’avvocato della difesa Franz Sarno.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi