26 Novembre 2020 Segnala una notizia

Per non dimenticare: una partita di calcio per i brigadieri Giorgio Illuminoso e Tommaso Di Santo

20 Aprile 2010

partita-calcio3Non c’è niente di più importante della vita di un uomo, chiunque egli sia. Un posto speciale nelle nostre memorie però, lo hanno coloro che sacrificano ogni giorno la loro esistenza al servizio degli altri. Per questa ragione, per rispetto ed affetto, sabato pomeriggio i Carabinieri di Monza hanno giocato a calcio in memoria dei colleghi e Brigadieri Giorgio Illuminoso e Tommaso Di Santo, scomparsi prematuramente.

Giorgio, oltre 20 anni nell’Arma, la maggior parte dei quali presso il Nucleo Operativo Radiomobile di Monza, è ricordato da tutti come un uomo solare, estremamente generoso, oltre che un professionista di alto livello. Stava ricostruendo la sua vita con la compagna Elena, con la quale aveva da poco comperato una casa vicino Saronno, dove si era trasferito lo scorso settembre, quando è stato travolto ed ucciso da un tossicodipendente in fuga dal posto di blocco.

L’intera città di Saronno, nonostante il 41enne Illuminoso fosse nella nuova caserma da pochi mesi, oltre che tantissimi amici di Monza, si è raccolta intorno a lui, a suo figlio Matteo, sedicenne cadetto dell’Arma e a tutti i sui cari, lo scorso 26 febbraio, quando nel tentativo di bloccare un’auto in uscita da un campo, dove il conducente aveva acquistato droga, Giorgio è rimasto ucciso.

partita-calcio5Trent’anni di servizio e una missione in Iraq, sono invece il curriculum lavorativo ed umano di Tommaso Di Santo, applicato al Nucleo Informativo di Monza, scomparso a 52 anni nell’aprile del 2008 in seguito ad un attacco cardiaco. Mite, gentile e sempre presente sul posto di lavoro, dedicato alla famiglia ed amante dei bambini, Tommaso ha lasciato la moglie Giovanna ed il figlio William, poco più che 20enne, che sabato ha vestito la maglia del suo reparto, scendendo in campo con i suoi colleghi.

Nonostante la pioggia giocatori e pubblico si sono raccolti intorno al campo di calcio a sette del circolo Ambrosini di Monza, per commemorare i due carabinieri, che della vita e dello sport erano entusiasti. Indossando le divise dei rispettivi reparti, i colleghi dell’Arma hanno salutato a colpi di pallone, goal e scivoloni, i due amici, così come loro avrebbero desiderato, con spirito partecipativo ed allegria.

Al termine del match, vinto dal Nucleo Operativo Radiomobile, il Capitano Gabriele Di Prete e il Tenente Marco D’Aleo hanno donato alle due compagne di vita dei brigadieri, una targa commemorativa, un pensiero per non dimenticare il grande apporto dei loro uomini. Giovanna, moglie di Tommaso, ha letto una piccola poesia, espressiva del segno lasciato da Giorgio e Tommaso, con le loro preziose esistenze “Il tempo è troppo lento per chi aspetta, troppo veloce per chi ha paura, troppo lungo per chi soffre, troppo corto per chi gioisce. Ma per chi ama il tempo è l’eternità”.

{gallery}2009/gallery/partitacalcio{/gallery}

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi