26 Novembre 2020 Segnala una notizia

La storia millenaria di Vimercate prende casa al Must

8 Aprile 2010

vimercate-repertoTornano a Vimercate, nelle “sala delle origini” del Must (museo del territorio) dopo dieci anni passati presso le sale del Museo Verri di Biassono, 31reperti, databili a un periodo che va dal I sec. a.C. fino al IV d.C, venuti alle luce nell’estate 1999 durante i lavori per la realizzazione dell’attuale edificio di piazza Marconi.

Tutto ebbe inizio ancora prima: nel marzo del 1933, per la realizzazione della pensione-ristorante Termine venne alla luce una necropoli romana, composta da ben nove tombe presumibilmente del III-IV secolo d.c. A distanza di circa 70 anni l’attesa per l’inizio degli scavi sulla piazza era tutta concentrata su ciò che poteva venire alla luce. E la grande attesa è stata ripagata: dalla terra sono comparse una coppetta in terra rossa con la scritta Atilia, ritrovata nella tomba della giovane ragazza romana che portava questo nome; alcune fini stoviglie come piatti, coppette, olpe (una brocca con manico in terracotta); alcune monete tra le quali una importante siliqua in argento del V sec. d.C., e una rara dracma padana del I sececolo a.C.

Estremamente soddisfatto, Angelo Marchesi dirigente del settore cultura di Vimercate « Dopo circa trevimercate-must anni per ottenere tutte le autorizzazione dalla Soprintendenza ai beni Archeologici, e di catalogazione scientifica in collaborazione con l’Istituto di Archeologia della Università Cattolica di Milano – afferma Marchesi – la maggior parte dei reperti romani sono tornati a Vimercate». D’ora in avanti faranno bella mostra di sé all’interno della “sala delle origini” del Must di Villa Sottocasa, andandosi ad aggiungere a decine di altre bellezze artistiche del nostro territorio, facendo del Must il polo Museale del Vimercatese.

Sull’area del cantiere passava poi anche un’antica strada romana, con un’asse nord-sud diretta a nord verso il centro cittadino e a sud presumibilmente verso l’attuale Agrate Brianza. La via, come gli scavi hanno confermato, era costeggiata da insediamenti artigianali e commerciali: sono state infatti rinvenute alcune monete, ora all’interno del Must, e diversi frammenti di bronzo fuso, probabilmente riconducibili a un’attività di fonderia nelle vicinanze.

{gallery}2009/gallery/must{/gallery}

in foto: un’olpe in ceramica del I-II sec. – moneta denominata Siliqua del IV sec.d.c. – il ciottolato della strada romana che passava sotto l’attuale piazza Marconi

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi