21 Settembre 2021 Segnala una notizia

Sciopero CGIL: Monza, duemila persone. Ecco il video della manifestazione

13 Marzo 2010

sciopero-cgil-monzaUn lungo corteo di lavoratori di aziende in crisi, pensionati, cittadini migranti, dipendenti del settore pubblico e dei servizi, associazioni e forze politiche del territorio hanno scioperato ieri mattina 12 marzo per le vie del centro storico di Monza. In più di duemila si sono fermati e hanno partecipato alla alla manifestazione organizzata a Monza dalla CGIL di Monza e Brianza.

Una mobilitazione di quattro ore, con appuntamenti in tutte le piazze d’Italia, per contrastare le politiche economiche e fiscali del governo Berlusconi, per difendere il proprio posto di lavoro in un momento in cui milioni di persone versano in una condizione di assoluta incertezza per il loro futuro.

A Monza il corteo è partito da Mazzini e giunto in piazza San Paolo ha riservato spazio a interventi di delegati di aziende in difficoltà come la Carlo Colombo di Agrate. Sul palco anche Maurizio Laini il Segretario della CGIL Lombardia: “Il nostro non può essere un grande Paese se in esso non si riconosce il valore del lavoro. Se si cancellano i diritti dei lavoratori. sciopero-cgil-monza-2Questo Paese è abbandonato a se stesso. Per questo, con questo sciopero, chiediamo al Governo di svegliarsi. E lo chiediamo anche a chi oggi non è qui. Il futuro del Paese si costruisce oggi, dentro la crisi, con delle idee concrete per affrontarla e superarla. Noi le abbiamo. L’Italia può contare su di noi, sulla CGIL. CISL e UIL ci mancano. Le aspettiamo in piazza, abbiamo bisogno di loro”.

Fermare i licenziamenti, garantire la Cig in deroga, raddoppiare dell’indennità di disoccupazione e aumentare i massimali Cig, sostenere il reddito e prevedere gli ammortizzatori sociali per i precari. Questi alcuni dei punti che la Cgil si propone, a fronte dei nuovi attacchi che la classe dei lavoratori e le fasce più deboli della società stanno subendo.

Sul fronte fiscale, la CGIL chiede una riforma strutturale che di una prima risposta immediata: ridurre la pressione fiscale sul lavoro dipendente e sui pensionati con un bonus di circa 500 euro da erogare entro la primavera e poi strutturalmente con 100 euro medi mensili di riduzione del prelievo fiscale per i prossimi 3 anni, insieme alla riduzione della prima aliquota Irpef dal 23% al 20%. Infine, sui temi dell’immigrazione, la CGIL chiede politiche di accoglienza e di lotta alle nuove schiavitù, con la sospensione delle legge Bossi-Fini per i migranti in cerca di occupazione e con l’abolizione del reato di clandestinità.

{youtubejw}EyI4uXoA7hQ{/youtubejw}

{xtypo_rounded2} In Brianza hanno scioperato per quattro ore le lavoratrici e i lavoratori dell’industria, dell’università e della ricerca. Hanno scioperato per tutta la giornata, invece, lavoratrici e lavoratori del settore alimentare e dell’agricoltura, del commercio, delle poste, della scuola, dei settori pubblici, delle cooperative sociali, delle banche e delle assicurazioni. I dipendenti di Autoguidovie e di ATM scioperano dalle 18 alle 22; quelli della Sila Seregno dalle 16 alle 20. Nel nostro territorio l’adesione media allo sciopero si attesta attorno al 50 per cento, con punte del 90 per cento tra i metalmeccanici. {/xtypo_rounded2}

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi