26 Settembre 2021 Segnala una notizia

Pio XI, il papa che cambiò la storia è l’illustre desiano dimenticato dai suoi concittadini

12 Marzo 2010

Amava così tanto la città che ovunque andasse portava con sé alcune fotografie della “sua” Desio. Ma Pio XI è un papa dimenticato, oltre che dalla storia, dai suoi stessi concittadini. Eppure è stato il pontefice che firmò i Patti Lateranensi e che sancì la nascita dello Stato Vaticano, che fondò la Radio Vaticana, che celebrò tre anni Giubilari. Chissà cosa penserebbe l’illustre desiano – unico papa brianzolo – vedendo oggi i muri della sua casa natale, trasformata in museo, scrostati e pasticciati con le bombolette spray.

Desio-casa-Pio-IX«Ci stiamo dando da fare per sistemare, certo che per mettere mano servono parecchi soldi – ha sottolineato Iris Caimi, uno dei circa trenta volontari dell’associazione Amici della casa natale Pio XI che si occupa di incentivare la conoscenza del museo, di organizzare visite guidate e di promuovere iniziative finalizzate al reperimento di fondi utili per la conservazione e l’arricchimento della casa natale di papa Ratti – Ed è un peccato perché questo museo contiene degli studi importanti , i cimeli sono tutti originali non ci sono riproduzioni, ma sono tutti appartenuti o stati donati al pontefice e provengono principalmente dai Palazzi Vaticani. Ora stiamo allestendo una sezione dedicata alle imprese alpinistiche di Pio XI, il nostro papa era un grande amante della montagna».

Anche Giovanni Paolo II, nel 1983, fece visita al museo e il ricordo del suo passaggio è custodito nel libro delle firme posto sulla scrivania dello studio di papa Ratti, che conserva ancora oggi gli arredi autentici.

Studio-Pio-IXOgni domenica sono circa una trentina le persone che vengono ad ammirare la casa natale di Pio XI e per lo più non si tratta di desiani. «Fra un paio di settimane avremo un gruppo di 40 ospiti da Monza. Tantissima gente viene da fuori città, alcuni addirittura da Bergamo e Brescia», ha spiegato Iris Caimi.

E c’è chi, tra gli stessi desiani, pensa sia necessaria una strategia diversa per presentare il museo. «Durante la Messa monsignore invita ad andare a visitarlo – ha detto Roberto Filippini – ma non è conosciuto per le giuste vie». Ed è dello stesso parere anche un visitatore “per caso”, un lissonese che domenica si trovava a passare di lì. «Desio è famosa per avere dato i natali a papa Ratti – ha affermato Marcello Lo Turco – A mio avviso se si desse ai giovani l’opportunità di avere una struttura dove portare avanti il culto, si porterebbe solo che prestigio alla città».

Il museo si trova in via Pio XI, 4 ed è aperto ogni domenica dalle 15 alle 18. Orari segreteria: martedì e giovedì dalle 14.30 alle 17.30.

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi