03 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Basket, per la Forti il sogno è ora realtà. Batte Piacenza 75 a 70

18 Marzo 2010

forti-liberi-piacenzaMonza, stazione di Monza. La corsa della Freccia Rossa piacentina lanciata ad alta velocità sulla tratta in direzione Torino si ferma a Monza e all’ombra della Villa Reale è festa grande. Per i più ottimisti, quasi visionari, era un sogno. Per i più realisti, un evento dalle probabilità decisamente remote. E invece quello che in tanti si auspicavano è accaduto. Il sogno si è tramutato in realtà: la Forti ha portato a compimento l’ennesima impresa della stagione davanti al suo pubblico e dopo Varese e Castellanza è riuscita nel colpaccio di fermare anche Piacenza.

Una vittoria che vale doppio per valore perché arrivata proprio nella partita che i rossi di Coach Piazza non potevano perdere, pena il matematico via libera a Torino per il passaggio diretto in A Dilettanti. Un match che vale una stagione arrivato nel momento migliore dei bianconeri e che puntualmente Capitan Fantaccini e la sua band hanno voluto fortemente strappandolo letteralmente con la grinta e con i denti.

Piacenza temeva la Forti e sin dall’inizio ha cercato di incanalare nel verso giusto la partita. Alla cordiale tripla di benvenuto di Claudio Munini ha contraccambiato con un (molto meno apprezzato) 8-0 frutto di due bombe di Sambugaro e Boni oltre ad altri due punti del talento piacentino. Uno schiaffo che ha subito riportato Monza alla realtà e l’ha spinta a rientrare con il Capitano e con quattro preziosissimi punti di un Molteni da subito in palla e decisamente gasato dal confronto. Due punti di Malerba dalla lunetta hanno poi sigillato la parità a quota 11, giusto prima di un parziale di 6 a 0 Monza in coda di periodo cui gran parte del merito va di diritto a un Max Guerrato in versione cobra. Quando Mario Boni chiude il quarto sul 17 a 13 il PalaIPQ è già in fermento; la serata è di quelle giuste.

forti-liberi-piacenza2Ma c’è da tenere duro. E la Forti se ne accorge alla ripresa del gioco. Con Boni a riposo a riportare sotto la Copra ci pensano Trapella e Mambretti e solo un gioco da tre di Fumagalli riesce a evitare un sorpasso che però è solo rimandato di un giro di lancette. Angiolini da tre punti e Degli Agosti mettono la freccia per il 23-22 ospite che si dilata per via della seconda tripla consecutiva di Angiolini e di due punti a testa di Trapella e del rientrante Boni. Per la Forti solo quattro minuti da incubo e un 9 a 0 da incassare senza fiatare che stampa sul tabellone un punteggio di 30 a 22 in favore degli ospiti. Il time out di Coach Bertari arriva scontato e sortisce il suo effetto. Monza non perde la testa e cerca di attaccare con criterio giocando di squadra. Malerba e Mercante portano due punti a testa, il Molte quattro e altrettanti ne lascia per strada da una lunetta con cui litigherà tutta la sera. Ma tanto basta per rientrare in partita. Perché Piacenza mette a referto due soli punti con Trapella in tutta la seconda parte del quarto e per la Forti il contro break è servito. 30 a 32 e tutti all’intervallo, con l’ottimismo iniziale un po’ smorzato ma con la sempre viva consapevolezza che Piacenza sta faticando altrettanto per tenere botta al cospetto dei bianconeri.

E l’inizio del terzo quarto conferma la tesi dell’equilibrio. Il Fanta si danna l’anima mentre Munini gioca da osservato speciale. Nonostante tutto l’accoppiata di talento della Forti mette insieme cinque punti che valgono una parità a quota 35 che manca ormai da più di dieci minuti ma che viene subito bruscamente spezzata da una tripla di Angiolini seguita da due punti di Sacco e tre di Boni. Per quasi metà tempo i bianconeri non vedono il canestro e il risultato è un 43 a 35 in favore della Copra che sembra parlare chiaro. Una situazione che si complica ulteriormente con l’uscita anticipata di Capitan Fantaccini vittima di una scavigliata e di una situazione falli preoccupante con Mercante già a quota quattro fischi. Ma quando tutto sembra prendere una piega quanto meno preoccupante Coach Bertari pesca i jolly dalla panchina. Guerrato fa il Fanta e nel pitturato detta legge; conquista rimbalzi preziosi e trova due conclusioni d’oro che sommate ai punti di Pedalà permettono a Monza di arrivare a giocarsi gli ultimi dieci minuti sotto di sette lunghezze sul punteggio, estremamente basso, di 41 a 48. E qui cambia la storia perché la Forti gioca il quarto perfetto. Quello della vita, che terrà banco nei racconti al bar di Donato da qui agli anni a venire.

I bianconeri tornano in campo incitati a gran voce dalla panca da un Capitano che freme e che farebbe di tutto pur di essere del match. Caricata a molla la Forti diviene incontenibile. Il Guerra e Pedalà riprendono da dove avevano lasciato e con cinque punti surriscaldano un parterre del PalaIPQ sempre più rovente. Sambugaro risponde da lontano ma la prima tripla di Steve ha quasi il sapore dell’aggancio e vale il 50 a 51. Quando poi Mambretti ricaccia nuovamente indietro i bianconeri il Guerra decide di rendere speciale la sua serata e quella della Forti. Il cobra prima mette due punti poi arpiona un rimbalzo offensivo che nelle mani di Clod si concretizza nel 56 pari. Piacenza traballa.

fortiliberi-finepartitaLa Forti è una furia e neanche le triple ospiti fanno più paura. Malerba e il Guerra rispondono colpo su colpo fino al minuto 36 quando una bomba di Munini polverizza la retina della Copra per l’agognato sorpasso. Coach Piazza si rifugia in time out ma la deriva del match prende la direzione di Monza e l’adrenalina del palazzo sale alle stelle. A 120” dal termine poi, il colpo del Ko. Steve Malerba traccia la bomba del 66 a 64 e poi fa suo un rimbalzo difensivo che finisce nelle mani di Mercante. Il play bianconero in stato di trance lascia partire una parabola da viale Cesare Battisti che trova il fondo del secchiello e un +4 che sa di impresa. Perché i restanti 60 interminabili secondi sul cronometro trovano il loro logico svolgimento sulla linea dei liberi. E qui la Forti non sbaglia più, anzi incrementa. Totalizza 34 punti in un quarto stratosferico, culla un sogno che diviene realtà, si gode un’ovazione sacrosanta e sale in carrozza sul treno dei playoff.

Pur coi piedi per terra Coach Bertari non nasconde la sua soddisfazione: “ Una partita dal grande significato che ci porta 13/11 nel rapporto vinte-perse e con la possibilità di migliorare ancora. Questa sera ci eravamo dati un obiettivo: tenerli a 70 punti perché le due sconfitte del girone di ritorno le avevano incassate più o meno con quel punteggio e in questo siamo stati molto bravi. Abbiamo sporcato le loro percentuali soprattutto da tre punti tenendo Boni a 22 punti con 7 su 22 dal campo. Sotto di 10 abbiamo provato ad abbassare il quintetto giocando con quattro esterni più Max ad allargare gli spazi e abbiamo trovato il ritmo giusto. Alla fine poi dopo le triple di Malerba e Mercante eravamo troppo gasati per poter perdere. Ora andiamo a Como dopo aver verificato le condizioni di Fanta anche se, con un Guerrato che ha dato segnali forti, siamo un po’ più tranquilli”.

{xtypo_rounded2}Forti e Liberi Monza – Copra Morpho Piacenza 75 – 70
(17-13 / 30-32 / 41-48 / 75-70)

Forti e Liberi Monza: Molteni 12, Mercante 5, Fumagalli 5, Pedalà 4, Fantaccini 5, Guerrato 18, Munini 11, Malerba 14, Meroni 1,Vergani N.e. All: Bertari
Tiri da 2: 22/41
Tiri da 3: 5/19
Liberi: 16/27

Copra Morpho Piacenza: Sambugaro 16, Angiolini 12, Coccoli 2, Mambretti 8, Trapella 6, Boni 22, Degli Agosti 2, Sacco 2, Antozzi e Petkovski N.e. All: Piazza
Tiri da 2: 18/38
Tiri da 3: 8/32
Liberi: 10/15{/xtypo_rounded2}

Foto di Marco Brioschi

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi