02 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Desio, con Mariani il centrodestra fa il bis, vittoria netta a quota 56%

31 Marzo 2010

mariani-sindaco-desioIl “Giampy” ce l’ha fatta ancora. Al primo colpo. “Come mi aspettavo – dice – ma con un consenso che non immaginavo così ampio”. Pensava di farcela per un soffio, che invece si è rivelato un vento – oltre 12 mila voti, pari al 56,05% – con il quale ha spazzato via dubbi (“lo porteremo al ballottaggio”, gufavano in tanti) e avversari (tutti, o quasi, messi letteralmente ko dalla sua popolarità e dalla forza della sua coalizione).

Calici ancora alzati, dunque, anche a Desio, per il centrodestra: Pdl, Lega, lista civica Desio 2000 e Udc-Indipendenti tutti insieme, con maggiore o minore vigore, hanno dato scacco matto alle pretese di ribaltone del centrosinistra. Il quale, con Roberto Corti fermo a un piccolo 32,34%, ha dovuto alzare bandiera bianca: “I desiani sono contenti di questa Amministrazione – dice -, noi non lo siamo e ci concentreremo per lavorare al meglio all’opposizione. Peccato non aver avuto più tempo, personalmente, per far valere le nostre idee e i nostri programmi in campagna elettorale”. Tempo: quello che invece Mariani dedica da cinque anni, dall’alba al tramonto, per il Comune: “E i cittadini hanno premiato il sindaco della gente – esulta -, il sindaco sempre pronto ad ascoltarli e ad andare incontro alle loro esigenze. Adesso godiamoci questa vittoria, facciamo passare Pasqua e poi ci rimetteremo in moto”. Con una priorità annunciata: mettere mano alla macchina comunale, con le ruote sgonfie per una continua emorragia di dirigenti.

Dei quattro outsider l’unico che può sorridere davvero è Paolo di Carlo, il giovane emerso nella battaglia contro il Forno inceneritore che, sotto le insegne del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, ha ottenuto un corposo 4,63% (mille voti). Lui nel nuovo “parlamentino” ci sarà e potrà dire la sua, come Francesco Sicurello dell’Italia dei Valori, che però si aspettava di certo qualcosa in più del 3,43% raggranellato. Niente da fare invece per Giorgio Bianco de La Voce dei Desiani e Claudio Fiore di Lombardia Autonoma: loro, vecchie volpi della politica cittadina ma senza più consenso alle spalle, dovranno stare ancora a guardare. Troppo poche le briciole raccolte: 1,79% per il primo e 1,75% per il secondo.

Fra le liste bene ma non benissimo la Lega: 16,29% (a fronte del 10,5% del 2005 ma anche di aspettative fino al 20%). Buon 27,04 per il Pdl che resta primo partito cittadino, mentre il Pd tocca quota 22,18%. Per vincitori e vinti, dunque, il cioccolato delle uova pasquali sarà, rispettivamente, dolce e amaro. Ma senza grosse sorprese.

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi