28 Novembre 2020 Segnala una notizia

Vimercate. Aldo Fresia svela il suo “Rocky Horror Picture Show”

31 Marzo 2010

rocky-horrorOltre 140 milioni di dollari incassati soltanto negli Usa, trentacinque anni di permanenza nei cinema e migliaia di fan fedelissimi in tutto il mondo, soprattutto in Italia: ecco cos’è il “Rocky Horror”. A quasi quarant’anni della nascita di questo cult movie, Aldo Fresia ricerca la sua grandezza analizzando le canzoni di questo musical diventato presto un film di successo.

Fresia, quarant’enne dall’aria giovanile, che scrive da vent’anni di cinema e per il cinema, collaborando con riviste come Wired e Groove e scrivendo testi e sceneggiature per la tv ha presentato da poco al circolo Acropolis di Vimercate e presso la Biblioteca civica di Merate la sua ultima fatica: “The Rocky Horror Picture Show – Erotic nightmares”, edito da Arcana.

Con questo libro ha raggiunto fino ad ora, l’apice della propria carriera di scrittore e amante del cinema in tutte le sue forme.

Da chi è partita l’idea per questo libro?
I curatori della collana Txt mi hanno proposto la proposta e io accettato con molto piacere. Il Rocky Horror è stato un feticcio della mia gioventù, uno show nato a teatro e rapidamente trasferitosi sul grande schermo grazie al genio trasgressivo di Richard O’Brien. Il mio libro parte dalle canzoni di quest’opera-culto per ricostruire l’epoca storica che rappresentò: gli anni ’70 americani dell’esplosione del rock, della nascita del femminismo, della rivoluzione culturale e soprattutto gli anni della rivoluzione sessuale, il punto cardine del Rocky Horror. Ogni capitolo analizza con minuzia una canzone del musical, estrapolando dalle parole tutto l’humus culturale di quegli anni: l’ambiguità sessuale, i diritti rivendicati dalle femministe e la lotta al bigottismo sono solo alcuni dei messaggi presenti nel film.

Quanto tempo ha richiesto la preparazione e la stesura del libro?
Le ricerche sono state la parte più lunga ma anche interessante del lavoro. Ho dovuto ricercare nei Aldo_fresiatesti di storia, nella musica dell’epoca e nel cinema a cavallo fra gli anni ’60 e gli anni ’70. Richard O’Brien, regista del film, prese spunto da tutti quei capolavori del B-movie fantascientifico, trash e freakshow che in quegli anni spopolavano nelle sale cinematografiche americane. Ai sei mesi di ricerca se ne sono sommati altri due per la stesura del testo, ai quali devo però aggiungere tutta una vita per aver le basi per scrivere tutto quello che so. Da quando ero ragazzino ho iniziato ad appassionarmi di cinema, e senza aver visto centinaia di film e letto e scritto altrettante recensioni ora non avrei potuto scrivere questo libro.

Hai qualche nuovo progetto in cantiere?
E’ nei piani, miei e della casa editrice, di continuare nella stesura di nuovi testi sempre per la collana Txt. Ad ora la crisi ha bloccato un po’ i progetti che spero siano ripresi il più presto possibile. Nel campo televisivo sto scrivendo la sceneggiatura per un programma che forse andrà in onda su un canale satellitare, ma per ora non posso aggiungere altro. E infine vorrei parlare del cineforum presso lo Space cinema di Vimercate: il progetto presentato qualche mese fa sta avendo un buon successo dimostrando che anche il cinema d’autore debba avere il proprio spazio sugli schermi delle multisala.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi