16 Giugno 2021 Segnala una notizia

Monza può essere salvata dall’inquinamento?

21 Dicembre 2009

traffico-monzaLucio Battisti la chiamava “Brianza velenosa”, e forse non a torto. Secondo il rapporto diffuso da Legambiente all’inizio del mese di dicembre il livello di inquinamento dell’aria nel capoluogo brianzolo ha raggiunto, nelle ultime settimane novembrine, livelli più che preoccupanti.

La concentrazione nell’aria di particelle PM10, responsabili di malattie respiratorie a breve e lungo termine, è risultata ben oltre il valore limite stabilito dall’Organizzazione mondiale della Sanità, secondo le stime di Legambiente, infatti, “per ben 15 giorni consecutivi, dal 11 al 25 Novembre, le concentrazioni del PM10 sono state superiori ai 50 microgrammi/mc, con un valore massimo di 99 microgrammi/mc raggiunto il giorno 18”; solo la pioggia ha salvato i polmoni dei cittadini dal veleno nell’aria, arrivando provvidenziale e abbattendo al suolo le polveri.

Monza dunque è risultata dai rilevamenti peggio di Milano ed è considerata dai brianzoli la capitale dello smog e del traffico e di questo passo, bambini e anziani potrebbero ritrovarsi a fare i conti con malattie bronchiali e malattie respiratorie in genere, anche molto gravi.

La soluzione, dice Legambiente, è a portata di mano, ostacolata solo dall’inerzia della Giunta comunale: “Alcuni strumenti sono già stati valutati in Comune. Il Piano Generale del Traffico Urbano, presentato 9 mesi fa, è ancora fermo in Giunta; la pista ciclabile di Via Buonarroti è bloccata, quelle di Via Monte Cervino e Monte Bianco sono nel dimenticatoio; il potenziamento del trasporto pubblico è ancora un bel sogno”. Il periodo natalizio si presenta potenzialmente problematico, dato l’obbligato incremento del traffico dovuto agli acquisti natalizi.

Sergio Civati, consigliere comunale del Partito democratico, ha inoltrato una nota alla Giunta Mariani per chiedere un intervento tempestivo. “Le cause dell’inquinamento sono note – dice Civati – il traffico poco organizzato, parcheggi interrati non utilizzati a dovere, poche piste ciclabili, mezzi pubblici inadeguati e poco funzionali. Si impongono misure urgenti per il prevedibile intensissimo periodo natalizio e soprattutto la necessità di deliberare interventi, che sappiano sostenere azioni che abbiano come priorità la mobilità sostenibile, rendendo la nostra città più respirabile”.

{xtypo_rounded2} Che cos’è il PM10?

La sigla PM10 identifica materiale presente nell’atmosfera in forma di particelle microscopiche. È costituito da polvere, fumo, microgocce di sostanze liquide. Le principali fonti di sono: sorgenti naturali: l’erosione del suolo, gli incendi boschivi, le eruzioni vulcaniche, la dispersione di pollini, il sale marino, sorgenti legate all’attività dell’uomo: processi di combustione (tra cui quelli che avvengono nei motori a scoppio, negli impianti di riscaldamento, in molte attività industriali, negli inceneritori e nelle centrali termoelettriche), usura di pneumatici, freni ed asfalto . Nelle aree urbane il traffico veicolare è la principale fonte del PM10 .

In genere, le patologie legate all’inquinamento da polveri sottili sono riconosciute essere l’asma, le affezioni cardio-polmonari e la diminuzione delle funzionalità polmonari. La mortalità indotta dalle polveri sottili è oggetto di dibattito. L’OMS, sulla base di uno studio condotto nel 2000 in 8 città del mondo, stima che le polveri sottili siano responsabili dello 0,5% dei decessi registrati nell’anno. I valori limite sono definiti in Italia dal Decreto Ministeriale 2 aprile 2002, n. 60; tale decreto fissa due limiti accettabile di PM10 in atmosfera: Il primo è un valore limite di 50 µg/m³ come valore medio misurato nell’arco di 24 ore da non superare più di 35 volte/anno. Il secondo come valore limite di 40 µg/m³ come media annuale. {/xtypo_rounded2}

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi