12 Giugno 2021 Segnala una notizia

Come mangiare a Natale? In Brianza a chilometro zero. Dal primo al dolce, ecco i prodotti tipici

25 Dicembre 2009

Cena_di_NataleIn ordine di tempo l’ultima pietanza entrata a far parte del menu made in Brianza è la pasta di farro, ma da anni in Brianza ci sono le patate di Oreno (a cui è legata la nota sagra) e gli asparagi di Mezzago che stanno andando a completare un menu a chilometri zero di cui fa già parte la birra del Carrobiolo prodotta a Monza presso i frati Barnabiti con il frumento delle terre brianzole.

E per il secondo? In primavera il pasto si completerà con la carne del vitello Kobe, made in quel di Sulbiate. Non manca naturalmente il vino, sempre da Oreno, la frazione più storicamente produttiva della nuova provincia.

Il dolce non potrà che essere il Pantranvai, quel antico pane che gli operai compravano con il resto del biglietto del tram che all’anno del secolo li portava da Monza e Milano per lavorare. Il Pantranvai prodotto da forno a pasta morbida, a lievitazione naturale, avente una tipica forma rettangolare, dovuta allo stampo di cottura a vaschetta che rimane attaccato al prodotto finito.

Stando ai dati della Camera di Commercio di Monza e Brianza sotto le feste per i prodotti nostrani le famiglie lombarde spenderanno più di 120 milioni di euro, mentre tra i 40 ei 50 euro per quattro persone è il prezzo di un menù a base di prodotti tipici brianzoli.

Sempre per la Camera di Commercio di Monza, il 35,5% dei lombardi ogni giorno acquista i prodotti tipici locali e la percentuale sale al 38,8% per chi li mette in tavola almeno una volta ogni sette giorni.

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi