19 Giugno 2021 Segnala una notizia

Nasce lo strumento europeo di monitoraggio dei prezzi dei prodotti alimentari

9 Novembre 2009

prodotti_alimentariNasce lo strumento europeo di monitoraggio dei prezzi alimentari, per scongiurare gli aumenti, spesso ingiustificati, dei costi dei prodotti, quelli agricoli in particolare, a causa dei passaggi tra il produttore e il consumatore. Il recente drastico calo dei prezzi delle materie prime agricole non è coinciso con un abbassamento dei prezzi dei generi alimentari per i consumatori: gli interrogativi sull’efficienza di questo settore cruciale dell’economia sono quindi giustificati.

“È molto importante che gli operatori della catena di approvvigionamento alimentare, i consumatori e i responsabili politici agiscano per migliorare la trasparenza dei prezzi lungo tutta la catena. Il nuovo strumento europeo di monitoraggio dei prezzi alimentari è un passo importante in questa direzione”, ha dichiarato il commissario per gli affari economici e monetari Joaquín Almunia. La commissaria per l’agricoltura e lo sviluppo rurale Mariann Fischer Boel ha aggiunto: “Come si è visto dai recenti sviluppi sul mercato dei prodotti lattiero-caseari, vi è spesso una notevole discrepanza tra i prezzi ottenuti dagli agricoltori e quelli pagati dai consumatori negli esercizi commerciali. La catena di approvvigionamento deve funzionare in modo efficace dal campo alla tavola”.

I settori della catena di approvvigionamento alimentare – agricoltura, industria della trasformazione alimentare e distribuzione – rappresentano da soli il 7% dell’occupazione in Europa e hanno un impatto diretto su tutti i cittadini: la spesa alimentare incide in media per il 16% sui bilanci delle famiglie. Un funzionamento efficiente della catena di approvvigionamento alimentare è quindi essenziale per assicurare prodotti di qualità, sicuri e a prezzi abbordabili. Ma il meccanismo di prezzi bassi pagati al produttore e alti sui banchi del mercato per il consumatore nuoce a tutti.

La chiave del problema sono i rapporti di forza, ovvero le “relazioni contrattuali” tra gli operatori della catena. Manca trasparenza sui prezzi e il mercato europeo dei prodotti alimentari è ancora troppo frammentato tra prodotti e Stati diversi.

Quindi: relazioni sostenibili e basate sul mercato tra gli operatori della catena di approvvigionamento alimentare: lotta alle pratiche contrattuali scorrette, notifica semplice di possibili abusi; rispetto delle regole di concorrenza. Poi, più trasparenza all’interno della catena di approvvigionamento alimentare attraverso lo strumento di monitoraggio dei prezzi europei dei generi alimentari, accessibile a tutti su Internet. Infine, supervisione del mercato dei derivati sulle materie prime agricole per ridurre la speculazione, revisione di una serie di norme ambientali e di regimi di etichettatura dell’origine, pratiche di approvvigionamento territoriale “forzato”, con cui i fornitori inducono i commercianti al dettaglio a rifornirsi a livello locale e rafforzamento (o creazione, se occorre, di associazioni di produttori.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi