04 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Il 70% dei siti web che vendono fraudolentemente suonerie è stato ripulito dall’UE

20 Novembre 2009

cellulareIl 70% dei siti web indagati perché vendevano fraudolentemente suonerie, wallpaper e altri servizi di telefonia mobile sono stati corretti o chiusi in seguito a un’azione repressiva dell’UE durata 18 mesi. Dal giugno 2008, quando sono stati effettuati i primi controlli, 301 siti web sono stati indagati dalle autorità nazionali di forza pubblica perché sospettati di gravi violazioni della normativa consumeristica UE. Il 70% dei 301 casi investigati è stato ora risolto. Il 52% (159 siti) è stato corretto e il 17% (54 siti) è stato chiuso.

Le tre principali problematiche riscontrate sono la formulazione dei prezzi poco chiara, la mancanza di informazioni complete sul commerciante e la pubblicità fuorviante, in particolare nei casi in cui si pubblicizzavano le suonerie quali “gratuite” mentre invece il consumatore era poi tenuto a pagare un abbonamento. In Italia le autorità di forza pubblica hanno comminato sanzioni pecuniarie per un valore di circa 2 milioni di euro a nove grandi società.

Secondo Meglena Kuneva, Commissario UE responsabile per i consumatori: “Questa indagine su scala UE costituisce una risposta alle centinaia di reclami provenienti da genitori e consumatori di diversi Stati membri dell’UE. Non è giusto che i giovani siano vittime di pratiche fraudolente come ad esempio le pubblicità ingannevoli che li inducono a sottoscrivere abbonamenti per suonerie che pensavano fossero gratuite, né che i genitori trovino brutte sorprese nella bolletta. I risultati ottenuti indicano che la cooperazione su scala europea può fare veramente la differenza quando si tratta di ripulire un mercato nell’interesse dei consumatori.” Paolo Saba, dell’Antitrust italiana ha affermato: “Quest’iniziativa repressiva ha raggiunto risultati importanti nell’interesse dei consumatori che effettuano transazioni on line e transfrontaliere.”

I cittadini europei possiedono più di 495 milioni di telefoni cellulari. Si stima che nel 2007 le suonerie costituissero fino al 29% del mercato complessivo dei contenuti diffusi tramite telefonia mobile in Europa, con una crescita del 10% rispetto al 2006. Nel 2007 il valore delle vendite di suonerie in Europa era stimato a 691 milioni di euro.

In Italia, Telecom Italia, Vodafone, Wind, Dada, Zed, H3G e Zeng, Fox Mobile e Tutto gratis che in seguito a questa indagine a tappeto sono risultate contravvenire alla normativa e si sono viste comminare multe per un valore di circa 2 milioni di euro. L’autorità italiana antitrust ha affermato che queste società dovevano essere sanzionate poiché i loro siti non fornivano informazioni chiare (ad esempio sul numero di suonerie vendute per il prezzo menzionato o sui costi delle stesse).

Le autorità nazionali si adopereranno per risolvere i casi ancora in sospeso. Il nuovo sistema di indagini a tappeto su scala UE sarà portato avanti anche nel 2009-2010, periodo nel quale sono previste diverse altre indagini a tappeto e azioni comuni.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi