10 Maggio 2021 Segnala una notizia

Forum Unesco, un’occasione persa di far assaggiare di che pasta è fatta la Brianza

5 Ottobre 2009

pan-tramvaiLa cena di gala del Forum dell’Unesco proprio non gli è andata giù. Non che non fosse buona, ma secondo Matteo Scibilia, chef dell’Osteria della Buona Condotta di Ornago e Presidente Consorzio Cuochi di Lombardia “non ha rappresentato i prodotti del nostro territorio, perdendo così un’occasione importante per valorizzare la Brianza”.

E il noto chef non ha proprio digerito la scelta fatta di proporre una cena dove si susseguivano quasi più piatti internazionali che locali. Ha preso carta e penna e ha scritto una accorata lettera a destinatari ideali quali i ministri di agricoltura, beni culturali e turismo.

Ecco il testo integrale: “Da molti mesi noi Cuochi e Ristoratori, partendo proprio dal territorio di Monza e Brianza, ci siamo chiesti cosa potevamo fare per dare alla nuova provincia ed in fondo alla nostra Regione, una visibilità culturale e turistica migliore. Ci siamo riuniti in un Consorzio, abbiamo chiesto alla Regione, al Ministero dell’Agricoltura, al Ministero dei Beni Culturali, al ministro del Turismo, Signora Brambilla per le sue competenze, un riconoscimento formale, certi come siamo di riuscire in questo intento. Siamo cresciuti in brevissimo tempo. Stiamo collaborando in più occasioni con la Camera di Commercio di Monza e Brianza, alla realizzazione del nuovo dolce “ simbolo “ di Monza il PanTramvai, stiamo lavorando per dare lustro ai vari prodotti agricoli del territorio, dal riso del parco Sud, alle patate di Oreno, alla farina di Vimercate, con la Coldiretti per una carne lombarda.

Ci ispiriamo ai nostri colleghi Francesi. Quando si parla di Francia, il pensiero corre sì alla Torre Eifell, ai castelli della Loira, alla Normandia, ma sempre il pensiero ci porta anche al cibo ed al vino di questi fantastici luoghi, ma noi ristoratori sappiamo per esperienza che là, in Francia, sono gelosi di tutto questo, è la loro forza, la loro Storia, la difendono a denti stretti in tutto il globo.

Eravamo convinti che anche noi ci potessimo pian piano esprimere così, di creare un rapporto con le Istituzioni convinti che quando si parla di territorio si parla di Cultura,

di Arte, di Industria e quando si parla di Turismo anche di Cibo e di Vino.

24 settembre, Villa Reale evento di grande Cultura, Unesco, 192 rappresentanti di tutto il mondo, Educazione, Scienza, Cultura in un luogo che dovrebbe essere la appresentazione e la punta del richiamo turistico di tutto il Nord Lombardia, Versailles, Schonbrunn la fantasia corre.. Quale miglior occasione per “ raccontare “ le nostre tradizioni eno-gastronomiche, facendole degustare a tutti gli ospiti intervenuti?

Invece i giornali, descrivono un menu non proprio del territorio, e come dargli torto: orecchiette pugliesi, (ne sono felice sono di Bari di origine), con pomodori e rucola (verdura onnipresente), riso basmati e cous cous, roast beef all’inglese, finendo con profiterol e crema chantilly, tutto politically correct, sicuramente piatti buonissimi all’altezza della situazione.

Peccato, in Francia non sarebbe successo, le eccellenze del territorio sarebbero state coinvolte, i migliori chef chiamati a cucinare, i prodotti più rappresentativi del territorio serviti. Peccato una occasione mancata. Speriamo domani.

Matteo Scibilia

{xtypo_rounded2}

Il Manifesto dei Cuochi di Lombardia

Il nostro credo per una ristorazione a misura d’uomo e di territorio.

 

Per una ristorazione che sia innanzitutto lavoro artigiano di trasformazione dei cibi in piatti ed esperienze attraverso la competenza e la passione.

Con i valori della competenza, dell’esperienza, della qualità, della memoria, della creatività, dell’onestà e della passione come basi del nostro lavoro.

Per una ristorazione debba fare cultura materiale e per questo avere solide basi culturali e radici con il territorio, anche diverso da quello nel quale viene proposta.

Consapevoli dell’importanza di offrire ai clienti materie prime di qualità e sane, prodotte nel rispetto dei regolamenti, ma anche e soprattutto della natura e trasformate anche attraverso tecniche innovative ma senza “scorciatoie” e sofisticazioni, anche solo di tipo industriale.

Certi dell’importanza del ruolo della ristorazione come centro della filiera agroalimentare e fondamentale mediatore fra produttori e consumatori italiani ed internazionali e per questo consideriamo importante un rapporto più stretto con gli altri attori della filiera.

L’attualità e il futuro delle imprese della ristorazione artigiana come imprese a misura d’uomo, fondate sulla vocazione e sulle competenze e non con intenti speculativi, nelle quali la piccola dimensione non è mai un limite ma una garanzia di qualità.

L’importanza di selezionare, formare e fare crescere professionalmente collaboratori soddisfatti e motivati con una logica di bottega, nella prospettiva che un giorno possano diventare altrettanti colleghi.

Affinché il mondo della ristorazione, laddove in grado di organizzarsi e di comunicare adeguatamente la propria realtà, possa rappresentare un esempio positivo di imprenditoria sana.

Al di là dell’azione sindacale delle associazioni di categoria, le piccole imprese della ristorazione possono lavorare insieme per comunicare le loro specificità e la loro positiva normalità, escludendo la spettacolarizzazione della professione.

L’utilità di una rete di professionisti/imprenditori della ristorazione a livello lombardo con lo scopo di scambiare esperienze, fare e diffondere cultura della ristorazione, stimolare lo sviluppo delle realtà imprenditoriali locali, favorire la crescita del sistema agroalimentare e turistico e migliorare le gestioni economiche attraverso politiche coordinate di servizio ed acquisti. www.cuochidilombardia.it

{/xtypo_rounded2}

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi