14 Maggio 2021 Segnala una notizia

Vincenzo Ascrizzi: Dieci domande sul tavolo del sindaco Marco Mariani

15 Settembre 2009

Da oltre settanta giorni il quotidiano la Repubblica pone al premier Berlusconi dieci martellanti domande sulla sua vita privata. Ora il battagliero giornale romano ha un emulo locale in Brianza: Vincenzo Ascrizzi. Il capogruppo di Rifondazione comunista e Sinistra Europea in consiglio comunale a Monza ha preso carta e penna. E ha vergato pure lui le “sue” dieci domande. Dieci quesiti su altrettanti scottanti problemi di Monza e Brianza rivolti al sindaco di Monza, Marco Mariani.

Ieri le dieci domande sono state lette nell’aula consiliare di Monza nel corso di un’interpellanza presentata in consiglio comunale. Quella annunciata da Ascrizzi con un gesto che ha subito portato al consigliere comunista una forte visibilità è da lui stesso autodefinita “una battaglia di civiltà”.

“Contro il pensiero unico di questa amministrazione di centrodestra – spiega Ascrizzi – vorrei con queste cinque domande insinuare nei cittadini – almeno in quelli che non hanno perso il senso del dissenso – un dubbio: è proprio vero che la città di Monza e la Provincia della Brianza sono governate nel migliore dei modi possibili? E’ proprio vero che gli atti amministrativi della Giunta di Monza sono tutti trionfi e una sequenza di risultati straordinari, come il sindaco Mariani e il presidente Allevi vogliono farci credere? Ecco: queste domande vogliono stimolare un dibattito nell’opinione pubblica su come vengono amministrate la città di Monza e la Provincia della Brianza”.

Le dieci domande (la versione integrale si trova nel box a parte) pongono al sindaco Marco Mariani alcuni interrogativi sui temi più caldi della città: la puzza che aleggia attorno al depuratore di Monza, il teleriscaldamento e i suoi costi esorbitanti, l’acqua di Monza che non sarà più un bene pubblico ma sarà privatizzata.

Ma anche la viabilità, in primis la chimera (secondo Ascrizzi) della metropolitana che giungerà fino a Monza. C’è spazio anche per parlare di una cultura che non c’è e della memoria storica e dell’identità di un territorio il cui bandolo della matassa è sempre più inestricabile.

“Penso che il compito dell’opposizione – aggiunge Ascrizzi – sia quello di stimolare chi governa a fare meglio. E se i nostri governanti mostreranno insofferenza per le mie dieci domande e allergici alle critiche, vorrà dire che ancora una volta avranno dimostrato di essere dei pessimi amministratori”.

{xtypo_rounded2}

Dieci domande al Sindaco di Monza: Marco Mariani

1) Si può vivere a San Rocco con la puzza del depuratore?

2) E’ possibile pagare cifre esorbitanti per il servizio di teleriscaldamento?

3) Questa Città merita un museo che non racconti la propria storia? 

4) A che punto siamo col Sistema Turistico Locale di Monza e Brianza?

5) Cosa ci aspetta rispetto allo sviluppo urbanistico?

6) Il Parco e la Villa Reale rimarranno patrimonio della Città di Monza?

7) L’Acqua e l’Energia di Monza ritiene siano un bene pubblico inalienabile?

8) Usciremo da questa soffocante emergenza viabilistica?

9) Si darà dignità alle scuole cittadine?

10) Metropolitana, quanta realtà e quanta fantasia?{/xtypo_rounded2}

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi