08 Maggio 2021 Segnala una notizia

Una Brianza ecosostenibile e di serie “A”, sarà possibile?

29 Settembre 2009

foto_workshop_argilla4“Vogliamo una città di serie A” questo il motto che venerdì mattina, 25 settembre, nell’ambito degli eventi organizzati da Ecodialogando per Habitat Clima, prima settimana della sostenibilità ambientale al Palacandy , ha guidato gli interventi di Cesare Boneschi, assessore all’edilizia Privata di Monza, di Marina Romanò, sindaco di Cesano Maderno, e degli assessori all’Urbanistica di Vimercate, Corrado Boccoli, di Carugate Giovanni Villa, e di Vedano al Lambro, Innocenza Baiardi.

E quella “A” si riferisce naturalmente alla classe di efficienza ambientale che gli edifici possono raggiungere se costruiti nel massimo rispetto dell’ambiente. Una conferenza inedita che ha fatto sedere intorno ad un tavolo amministratori di comuni diversi che hanno potuto presentare sia cosa hanno realizzato fino ad oggi nei loro comuni sia cosa faranno. Dopo gli interventi dei politici, la mattinata è stata chiusa dall’architetto Alberto Steidl, che ha illustrato delle ipotesi per il nuovo regolamento edilizio.

Cinque interventi da cui è stato possibile dedurre quanto questi amministratori stiano facendo per garantire un impegno costante a favore della bioarchitettura, del risparmio energetico e quindi per diminuire il degrado e l’inquinamento di un territorio, la Brianza già a sufficienza martoriato.

“Siamo in una delle zone a più alta densità abitativa – ha ricordato Giovanni Villa di Carugate – È per noi un obbligo mantenere alta l’attenzione su chi vuole costruire, monitorando come lo vuole fare: da noi tutti edificano in modo sostenibile, senza incentivi o sconti sugli oneri di urbanizzazione. La questione è sentita e condivisa”. Non a caso proprio a Carugate il centro commerciale il “Carosello”, dopo aver presentato un primo progetto di ampliamento e ristrutturazione, il secondo ha trovato via libera da parte dell’Amministrazione creando il primo tetto verde della Brianza.

Sia da Corrado Boccoli sia da Cesare Boneschi è arrivato l’invito a “fare rete”. Il primo ha presentato l’esperienza positiva di “Agenda 21”, che ha svolto un ruolo di coordinamento programmato edilizio tra 21 comuni del vimercatese , mentre il secondo ha ben sottolineato come il risultato positivo di ciascun comune per quanto riguarda il risparmio energetico, può essere facilmente vanificato se il comune limitrofo adotta tutt’altra politica. “È necessario uniformare la programmazione edilizia affinché un territorio così eterogeneo come la Brianza raggiunga un risultato di alto livello – ha sottolineato Boneschi, durante la sua puntuale presentazione.

Se da una parte è emerso Vedano al Lambro essere il comune dove la politica ecosostenibile deve ancora essere programmata su larga scala, per Vimercate, Monza, Carugate e Cesano Maderno esistono già esempi concreti sia pubblici, scuole e asili, sia privati, che ben testimoniano l’attenzione per un’architettura “verde” che utilizza fonti di energia rinnovabili, data dalle più moderne tecniche come la geotermia o i pannelli solari.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi