13 Maggio 2021 Segnala una notizia

L’intervista. Antonio Mansueto: come recuperare le ville di delizia. Il caso di Arcore

28 Settembre 2009

Antonio_MansuetoDomenica 27 si e’ tenuto in Villa Borromeo D’Adda il consueto incontro annuale sullo stato avanzamento progetti per la villa indetto dall’Associazione Villa d’Arcore.

É appena terminato il fine settimana dedicato alle ville di delizia della Brianza. Un’occasione importante per riscoprire un patrimonio storico, culturale ma anche economico non ancora pienamente sfruttato. Abbiamo intervistato in esclusiva Antonio Mansueto, presidente dell’associazione Villadarcore www.villadarcore.com, che propone soluzioni concrete ma anche molto originali per rivalutare e valorizzare questi tesori. Manuseto in particolare espone il suo progetto per Villa Borromeo di Arcore.

Come vede la situazione attuale della Villa?

Realizzato il progetto per il lotto lavori restauro di La Montagnola è in corso una non facile ricerca fondi da parte del Comune. Credo che gli oneri di urbanizzazione dei futuri cantieri zona Falck saranno fondamentali per la Villa. E se non verranno utilizzati per essa, si tratterà di una occasione irripetibile persa, per valorizzare Arcore. Ma c’e’ anche la possibilità di cedere alcuni beni comunali non necessari per fare cassa, e su questo occorrerebbe una seria riflessione dell’amministrazione.

Cosa è emerso a proposito dell’urbanistica intorno alla Villa?

Arcore ha due importanti barriere che la “spaccano”: la ferrovia e le stesse ville storiche. Sono ostacoli importanti e per la viabilità c’e’ bisogno di un progetto organico. Di conseguenza il centro storico intorno alla Villa va rivalutato ma non può essere reso pedonale. Bertani ha poi posto un accento particolare sulle opportunità di sgravare fiscalmente chi restaura le facciate in modo coerente a linee proposte dal Comune, e anche di trovare una soluzione per i parcheggi della Villa a ovest di essa. Poi facciamo la solita domanda di ogni anno: è così difficile mettere in Arcore la cartellonistica che indichi la Villa, il Teatro Nuovo, le corti antiche etc?

villaborromeoarcoreChe mi dice a proposito del sondaggio sull’uso della Villa promosso da Villadarcore?

L’idea più gettonata nel referendum sul nostro sito è il collegare Villa Borromeo D’Adda al periodo ottocentesco che ha visto il suo massimo splendore, al paesaggio della zona allora terra di villeggiatura e alle famiglie nobili milanesi. In tal modo la Villa, già da molti definita il maggior gioiello tra le Ville di delizia della Brianza, diverrebbe elemento centrale nel crescere di progetti come “Ville aperte” e di notevole supporto alla Villa Reale di Monza. Tanto per cominciare chiedo che la fiera di Sant’Eustorgio venga sempre dedicata a rievocazioni ottocentesche in Villa, così che la Villa acquisisca una sua “specializzazione”, che si differenzia peraltro dalle mille e mille fiere medievali in circolazione.

Sappiamo che voi di Villadarcore avete già progetti culturali per il centocinquantenario dell’Unità d’Italia nel 2011. Ci può dare un’anticipazione?

Certamente. La prossima commedia sui D’Adda parlerà di due fratelli mazziniani proprietari della Villa, e l’Unità d’Italia sarà tema dominante: si chiamerà “Va’ pensiero”. Proporremo anche un festival di danza.

E a riguardo del Comitato per l’Unità d’Italia che ha proposto?

Visto che Villa Borromeo ha avuto il suo massimo splendore nel periodo in cui s’è fatta l’Unità d’Italia, visto l’ardore dei D’Adda “arcoresi” che sono stati tra i padri dell’Italia e vista infine la presenza di rilevanti opere di Vincenzo Vela “lo scultore del Risorgimento”, chiediamo che gli eventi per l’unità d’Italia del 2011 vedano fortemente coinvolta Villa Borromeo D’Adda ed Arcore.  Ho quindi proposto l’immediata creazione di un comitato per gli eventi culturali ed artistici legati ai festeggiamenti dell’Unità d’Italia, proponendo la partecipazione dell’Amministrazione (responsabile della Villa Arch. Bertani, Assessorato all’istruzione e assessorato alla cultura), di Associazione Villadarcore, di Natura e Arte, di Pro Loco. Aggiungo anche il Teatro Nuovo, che è un grande valore per Arcore. I 13 mesi che intercorrono sono appena sufficienti per organizzare manifestazioni di un certo rilievo e reperire i necessari fondi.

Crede che il comitato sia la forma giusta per agire in modo efficace?

Certamente, e so anche che ad un comitato delle associazioni arcoresi per la villa parla da anni l’amministrazione e l’assessorato alla cultura, ma per ora non s’e’ fatto nulla. Quindi è sostanziale che per una azione efficace esso sia una squadra compatta e ristretta, ma con capacità operative culturali dimostrate sul campo, e non un tavolo che produca infinite chiacchiere e discussioni. Insomma, bisogna scegliere pochi elementi per avere una squadra compatta, cui poi in fase operativa si potranno aggregare anche altri soggetti. Per agire efficacemente bisogna saper scegliere.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi