17 Aprile 2021 Segnala una notizia

Seregno, Concorso Pozzoli: 90 virtuosi sognano di diventare come Pollini

26 Luglio 2009

PianoforteOgni anno il sogno è sempre quello: diventare un pianista di fama mondiale come Maurizio Pollini. Proprio come lui, che nel 1959 proprio a Seregno e proprio sulle tracce di Ettore Pozzoli diede inizio alla sua straordinaria carriera internazionale.

Quest’anno ci provano in novanta. Novanta virtuosi della tastiera iscritti provenienti da ventotto Paesi del mondo che si confronteranno nel cuore della Brianza in occasione della XXVI edizione del Concorso Pianistico Internazionale “Ettore Pozzoli”, in scena al Teatro San Rocco dal 15 al 22 settembre.

Maurizio_PolliniCinquant’anni fa (il 20 settembre 1959) un giovanissimo Maurizio Pollini, con l’esecuzione dei Preludi op. 28 di Frédéric Chopin, dei Tre movimenti di Petruska di Igor Stravinsky e dell’Allegro di concerto di Pozzoli, vinse la prima edizione del Concorso. Fu l’inizio di una “carriera” che portò Pollini a diventare uno dei più grandi pianisti del Novecento. Ma il Pozzoli è stato un trampolino di lancio anche per altri nomi: da Francois-Joel Thiollier a Raimondo Campisi, da Filippo Gamba, ultimo vincitore italiano nel 1999, a Martin Cousin.

Questi nomi ono la prova che l’obiettivo del Concorso è stato centrato, come conferma il Sindaco Giacinto Mariani: “Per emergere nel difficile mondo della musica classica occorrono sacrifici, oltre che talento. Ai giovani pianisti provenienti da tutto il mondo offriamo un’opportunità per avere un futuro nel pianoforte. Questo è il Concorso Pozzoli.”

La qualità del concorso, oltre che dai nomi dei vincitori, è stata garantita negli anni dalla presenza in giuria, con ruolo di presidente, di Giulio Confalonieri per ben sette edizioni e, per dieci edizioni, di Marcello Abbado. Dalla giuria del Pozzoli sono passati altri importanti maestri come Miecio Horszowski, Alberto Mozzati, Piero Rattalino, Paolo Bordoni, Riccardo Risaliti, Benedetto Lupo, Nicolas Carthy e Paul Badura-Skoda.

Ettore_PozzoliL’apertura del concorso è affidata all’Orchestra Sinfonica Ettore Pozzoli che, diretta da Mauro Bernasconi, lunedì 14 settembre eseguirà, per la prima volta in Italia, l’Allegro di concerto di Ettore Pozzoli con al piano Francesco Libetta, il più importante interprete delle opere di Pozzoli. Il programma prevede anche la Sinfonia n° 9 “Dal nuovo mondo” di Antonín Dvo?ák. Appuntamento alle ore 21 al Teatro San Rocco.

ll “D-day” del concorso è fissato per martedì 15 settembre con la prima prova eliminatoria: un programma della durata di 20 minuti circa che prevede uno studio di Chopin, uno studio da Liszt a Ligeti e un brano a libera scelta. Giovedì 17 settembre si chiude la prima prova e si passa alla seconda prova eliminatoria (venerdì 18 e sabato 19 settembre). In programma una sonata importante di Haydn o Mozart o Clementi, una o più composizioni scritte nel periodo romantico e cinque studi di Ettore Pozzoli. Il tutto in circa 35 minuti. Domenica 20 settembre le semifinali. In un’ora i concorrenti devono eseguire una sonata di Beethoven, una o più composizioni scritte nel periodo romantico e uno o più brani scritti dopo il 1900. La finale è in programma domenica 22 settembre. I finalisti, accompagnati dall’Orchestra “I Pomeriggi Musicali” di Milano diretta da Nicholas Carthy, dovranno eseguire un concerto di un’opera a scelta a scelta tra Mozart, Beethoven, Chopin, Schumann e Mendelssohn.

{xtypo_rounded2} In cinquant’anni più di 1500 pianisti

Dal 1959, il Concorso ha visto la partecipazione, in 25 edizioni, di oltre 1.500 concorrenti provenienti da diversi Paesi. I pianisti iscritti a questa edizione provengono da Paesi di grandi tradizioni culturali musicali quali Cina, Corea del Sud, Germania, Giappone, Spagna, Stati Uniti, Ucraina, Ungheria, ma anche da Stati “emergenti” come Filippine, Indonesia, Romania e Nuova Zelanda. La Corea del Sud è il “team” più numeroso con 20 iscritti, mentre gli azzurri sono 18. L’età media dei concorrenti, a maggioranza “rosa” (53 le donne gara), è di 26 anni: dai 19 del più giovane ai 32 dei più “vecchi”. {/xtypo_rounded2}

{xtypo_rounded2} Una giuria internazionale per il premio più prestigioso della Brianza

Giuria di alto livello anche per l’edizione di quest’anno: gli italiani Pietro De Maria, da due anni impegnato con l’esecuzione dell’integrale pianistica di Chopin presso le maggiori Istituzioni musicali italiane, Riccardo Risaliti, docente al Conservatorio di Milano, e Daniel Rivera, vincitore della nona edizione del Pozzoli (1975), lo svizzero Tomasz Herbut, docente di piano alla University of the Arts di Berna, il giapponese Yasuko Matsuda, docente presso la Kyoto University of Fine Arts, e la canadese Catherine Vickers, vincitrice del Concorso Busoni nel 1979.

{/xtypo_rounded2}

 

 

 

 

{xtypo_rounded2} In cinquant’anni più di 1500 pianisti

Dal 1959, il Concorso ha visto la partecipazione, in 25 edizioni, di oltre 1.500 concorrenti provenienti da diversi Paesi. I pianisti iscritti a questa edizione provengono da Paesi di grandi tradizioni culturali musicali quali Cina, Corea del Sud, Germania, Giappone, Spagna, Stati Uniti, Ucraina, Ungheria, ma anche da Stati “emergenti” come Filippine, Indonesia, Romania e Nuova Zelanda. La Corea del Sud è il “team” più numeroso con 20 iscritti, mentre gli azzurri sono 18. L’età media dei concorrenti, a maggioranza “rosa” (53 le donne gara), è di 26 anni: dai 19 del più giovane ai 32 dei più “vecchi”. {/xtypo_rounded2}

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi