26 Novembre 2020 Segnala una notizia

Il comitato Pedelontana: “Pedemontana, il mattone che vorrebbero mettere i cittadini”

14 Luglio 2009

pedelontanaRiceviamo e Pubblichiamo
A seguito dell’intervento del dottor Terragni, presidente di Pedemontana, apparso sulla stampa localee Brianza la settimana scorsa (9 e11 luglio), ci sembra importante focalizzare alcuni aspetti relativi alla SP6 e al tratto che corre tra Vedano e Lissone.  Proviamo a riprendere alcune delle sue affermazioni, dando anche la nostra versione dei fatti.

“… Abbiamo dovuto realizzare un progetto con un budget di 20 milioni di euro che non si può sforare”.

E’ vero che la legge dice che non si può sforare dai limiti di spesa (art. 166, comma 3. Progetto definitivo. Pubblica utilità dell’opera – art. 4, d.lgs. n. 190/2002), ma solo se l’opera era già prevista nella fase preliminare.

Ma dove stava il tratto tra Vedano al Lambro e Lissone? Ci risulta che nei progetti di Pedemontana non compaia fino alla fase definitiva. Quindi, come parlare di localizzazione e di limiti di budget? Inoltre il budget di 20 milioni per tutta la SP6  è bassissimo, dato che la cifra complessiva equivale al costo medio di 570 metri di Pedemontana come dichiarati da Terragni sul Corriere della Sera (Corriere della Sera, venerdì 10 luglio): la SP6 è un strada low cost. Tale budget può essere incrementato dal CIPE, qualora il territorio richieda modifiche ed esse vengano recepite. Infatti “Ove il progetto sia incompleto, carente o contraddittorio, le amministrazioni competenti propongono al Ministero, nei termini e modi previsti dal presente capo, le prescrizioni per la corretta successiva integrazione” (art. 167, comma 2,  d.lgs. n. 190/2002). E, le osservazioni presentate dai Comuni, nonché i rilievi dei cittadini (relativi al traffico, al rumore, alla spaccatura del territorio), mettono in evidenza tutte le criticità progettuali. Nel tratto che interessa Vedano e Lissone, il progetto esposto non ha tenuto conto dell’effettiva ed attuale situazione del territorio, che è un unico tessuto urbano. L’infrastruttura taglia irreparabilmente il territorio e trascura i collegamenti col la rete viaria esistente. Vaste aree di Lissone vengono di fatto allontanate dal Parco di Monza. Un’infrastruttura di questo tipo non farà altro che degradare il territorio nel suo complesso svalutandone le eccellenti attuali prerogative urbanistiche e di vivibilità.

“Sappiamo che il progetto della SP6 non ha riscontrato consensi”

Confermiamo che Lissone nelle sue osservazioni ha chiesto l’interramento in galleria artificiale, esattamente come Vedano e che Macherio sta chiedendo lo stralcio dello svincolo. Ci sembra che da più parti si levino critiche. I cittadini di Vedano e di Lissone hanno raccolto più di 2.000 firme per chiedere l’interramento o lo stralcio e il ripensamento del progetto.

“Alcune [osservazioni] sono facilmente risolvibili, altre no come la galleria di Vedano: sarebbe fuori budget, senza contare che in caso di piogge […] non c’è impianto di drenaggio che tenga”

La galleria, come dicevamo, è una proposta sia del Comune di Vedano che di Lissone (si veda l’allegato alla Deliberazione d.G.C. n° 120 del 13.05.2009 fatta da Lissone). Inoltre, rispetto all’osservazione fatta relativamente alla difficoltà di drenaggio, la Brianza dovrebbe fortemente preoccuparsi, dato che, della Pedemontana, 12 chilometri corrono in galleria naturale e 13 chilometri in galleria artificiale! E la stessa Pedemontana ammette …”non c’è impianto di drenaggio che tenga”: forse Macherio diventerà una nuova Venezia e la Pedemontana una pista da percorrere nei giorni di secca?

Nel progetto definitivo di Pedemontana il tratto che corre accanto al Quartiere Misericordia è in trincea. La galleria preserva dagli allagamenti che normalmente si hanno nelle trincee, che corrono a cielo aperto!

Ricordiamoci poi che, una volta che la strada sarà realizzata, non ci sarà più nulla da fare, ed a pagarne le conseguenze sarà il territorio e il cittadino. Allora perché non farla come si deve?

Il Comitato Pedelontana

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi