08 Maggio 2021 Segnala una notizia

Alessia Mosca (PD): «Nove uomini una sola donna. Giunta provinciale maschilista»

2 Luglio 2009

alessia_moscaNove assessori uomini. Una sola donna. La neonata giunta provinciale del presidente della Provincia di Monza e Brianza Dario Allevi è troppo maschilista? Secondo l’onorevole Alessia Mosca, giovane deputato del Pd, la risposta è sì.

«Con un rapporto di nove a uno, le quote rosa non sono decisamente state rispettate – protesta Alessia Mosca -. Il discredito e la scarsa considerazione delle donne e delle loro competenze espresso dalla giunta di centrodestra è grave e addirittura ostentato. C’è evidentemente una cultura retrograda che tende a non considerare le donne valide e preparare e all’altezza di ricoprire incarichi politici di alto livello».

Alessia Mosca è proprio infuriata e non ha proprio peli sulla lingua: «Questa mentalità – rincara la dose la bionda deputata democratica – è il frutto avvelenato di una campagna delle destre che ha portato a considerare le donne come soprammobili. Come inutili orpelli. O peggio, come fa Silvio Berlusconi, come trofei da mostrare per la loro bellezza ma ai quali non affidare incarichi di responsabilità. Penso che siamo di fronte a un atteggiamento assolutamente discriminatorio e umiliante e denuncerò questo atteggiamento nelle sedi opportune».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi