13 Maggio 2021 Segnala una notizia

A Monza arriva il forno inceneritore tra le polemiche

1 Luglio 2009

“Il forno crematorio servirà solo Monza e la Brianza” questa l’assicurazione data dal primo cittadino, Marco Mariani, e dall’assessore all’Ambiente e Acque, Giovanni Antonicelli. Di fronte a loro lo scettico comitato dei “Cittadini uniti contro la costruzione del crematorio regionale di Monza“.

fornoinceneritore-planimetriaUna conferenza stampa anomala, molto animata, piena di dubbi: il comitato scrive all’indomani dell’incontro sul suo blog “Ci resta naturalmente da comprendere in che modo tale auspicio potrà sposarsi con la normativa regionale, che ad oggi impone di realizzare, laddove il bacino di utenza non giustifichi la realizzazione di un forno tradizionale, un impianto sperimentale unico a livello regionale per lo smaltimento delle casse di zinco provenienti da tutta la Lombardia”. Il sospetto del comitato è che prima o poi il forno inizierà a bruciare i defunti di tutta la Lombardia.

I primi discorsi sulla sua realizzazione sono datati 2004, ma le preoccupazioni dei cittadini e le polemiche sono sorte quando la regione Lombardia ha vincolato il rilascio dell’autorizzazione alla costruzione di un forno crematorio a tre linee, che andrebbe a smaltire oltre alle salme anche le casse di zinco. L’indicazione della Regione è che un forno di questo tipo debba avere un bacino di utenza ben più ampio della sola provincia MB, ma debba accogliere richieste regionali.

Secondo il criterio d’efficienza regionale il forno dovrà arrivare a 1.200 – 1.300 cremazioni, un numero che il Comune di Monza sembra non codividere. “Il nostro bacino è quello di Monza e Brianza, non è che Monza diventa il centro lombardo, no nel modo più assoluto – queste le parole chiare dell’assessore Antonicelli – Naturalmente l’impianto non sarà solo per i monzesi, ma avrà un ambito provinciale”.

Marco Mariani, il sindaco, per spiegare la situazione e rassicurare i cittadini ha chiesto l’intervento dell’ingegnere Vittorio Marchesi . L’esperto (nel video) oltre a spiegare i rischi dell’inceneritore parla anche del problema che si delineerà nel prossimo futuro  quando scadranno le concessioni cimiteriali.

{youtubejw}btvKyEs5sdw{/youtubejw}

Ma l’attenzione del comitato va oltre allo zinco, in quanto come metallo pesante riesce ad essere bloccato con facilità – “I problemi di emissioni derivano soprattutto dalle vernici e dalle imbottiture delle casse di legno e dai vestiti dei defunti”- fa notare il  presidente Ivan Costato. “Ma anche in questo caso i fumi sono entro i limiti che impone la legge – rassicura l’ingegner Marchesi – E il loro controllo è continuo”.

Il  prossimo passo sarà con la Regione Lombardia, ma il forno crematorio potrebbe anche vedere l’inizio del suo cantiere per settembre.

{youtubejw}POLj55uL8Y0{/youtubejw}

La dichiarazione del Sindaco Marco Mariani e Giovanni Antonicelli: “L’inceneritore servirà solo Monza e Brianza”, mentre rispondono alla domanda di Martino Agostoni giornalista del quotidiano Il Giorno.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi