14 Aprile 2021 Segnala una notizia

A Desio riparte il sogno dell’università tra i capannoni

9 Luglio 2009

Ptb_Desio_plasticoLa “fabbrica della ricerca” sarà pronta a settembre. Un centro direzionale di 4mila metri quadrati da quattro milioni di euro nel cuore del Polo tecnologico della Brianza, la tecnopoli di 100 aziende nata sulle ceneri dell’Autobianchi: l’ex capitale dell’auto della Brianza.

Tra i capannoni dove lavorano 1800 operai, all’ombra di una torre direzionale alta 90 metri, sorgerà quello che sarà il “cervello” del moderno polo produttivo brianteo. In un piccolo campus dove troveranno posto laureati e ricercatori di economia. L’incontro decisivo per fare decollare – dopo dodici anni – il polo universitario di Desio è avvenuto ieri tra il sindaco, Giampiero Mariani, l’amministratore delegato di Sviluppo Brianza, Flavio Sangalli, Matteo Addamiano, presidente del gruppo immobiliare che ha realizzato il Polo tecnologico della Brianza e il preside della Facoltà di Economia dell’Università Bicocca di Milano, Massimo Saita.

Ptb_polo_direzionaleProprio la Bicocca darà inizio al campus universitario insediando nel comparto produttivo master di specializzazione e laboratori di ricerca in economia. “Abbiamo scelto l’economia – spiega Addamiano – perché questo è il settore trainante che abbinato alla produzione può dare la scossa necessaria a uscire dalla crisi economica. Abbiamo predisposto una bozza di programma con l’obiettivo di coinvolgere tutte le 100 aziende presenti nel polo produttivo di Desio”. I corsi di economia andranno ad affiancarsi con l’Istituto di Telemedicina, già in funzione a Villa Tittoni sotto la regia di Francesco Sicurello.

Intanto, prosegue la costruzione del grattacielo da 90 metri che fungerà da polo direzionale del Polo tecnologico della Brianza. Sarò un edificio che avrà una valenza simbolica, dando visibilità e una fisionomia riconoscibile all’intero comparto produttivo. La costruzione è giunta al 19esimo piano e a 70 metri. E il 10 agosto si arriverà al tetto, toccando quota 90 metri.

{xtypo_rounded2}C’era una volta la fabbrica della “Bianchina” della “A112” e della “Y10”

Città a vocazione industriale, Desio ha ospitato sulla sua terra la maggiore casa automobilistica lombarda dopo l’Alfa Romeo: l’Autobianchi di Desio. Nata nel 1957 da un accordo tra Giuseppe Bianchi, Leopoldo Pirelli e Giovanni Agnelli, l’Autobianchi divenne il marchio specializzato in utilitarie di lusso e tecnologiche del Gruppo Fiat. Dalle catene di montaggio dell’Autobianchi nacque la celebre “Bianchina”, edizione di lusso della più diffusa Fiat “Cinquecento”, oppure auto che hanno segnato un’epoca come la “Primula”, la prima piccola vettura italiana a trazione anteriore che anticipò la tecnologia che si sarebbe poi diffusa sulla Fiat “127” o la “A111”, versione più elegante e lussuosa della Fiat “128”. Il modello più fortunato resta però la “A112”, ruggente vetturetta sportiva dallo scatto bruciante, capace di lasciare tutti indietro ai semafori. La produzione si chiuse nel 1992 con la “Y10”, piccola vettura dalla linea avveniristica abbinata a interni lussuosi. Quando i cancelli di viale Lombardia si chiusero, nel 1992, dallo stabilimento Autobianchi erano uscite due milioni e 600mila vetture con il marchio della “doppia A”.{/xtypo_rounded2}

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi