14 Aprile 2021 Segnala una notizia

I nuovi imprenditori? Disoccupati e pensionati senza un centesimo in tasca

3 Giugno 2009

DisoccupatoIl più grande «motore» di nuove aziende in Brianza? La crisi economica. Sono state 3800 circa 40 al giorno – il 20 per cento di tutte quelle nate in Lombardia nel primo trimestre 2009 – le imprese “figlie della crisi”. Sono state aperte cioè da cassaintegrati, donne disoccupate e operai specializzati che tentano di trovare una soluzione al drammatico problema della disoccupazione. Spesso proprio la precarietà di non avere il lavoro e’ un incentivo che stimola a rischiare e a compiere il “grande passo”.

Il fenomeno, di dimensioni regionali, è ancora più diffuso nella nostra provincia. A rivelarlo è una stima dell’Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese e Infocamere.

Tra i neo imprenditori ci sono addirittura over 60: pensionati che aprono un’attività in proprio per arrotondare la magrissima pensione. Nel 2009 in Lombardia saranno circa 2.300 le imprese individuali aperte  per arrotondare la pensione.

In Lombardia nei primi tre mesi dell’anno si sono iscritte 19.331 imprese, 4.686 in più rispetto al trimestre precedente. E i settori che registrano il maggior numero di “neoimprese” sono il commercio (3.521), le costruzioni (3.491) e quello che racchiude immobiliare, ricerca, noleggio e informatica (2.228).

E in Brianza, per sostenere il lavoro, la Camera di commercio di Monza e Brianza ha stanziato complessivamente oltre 1 milione di Euro fra contributi alle imprese per l’occupazione, voucher per corsi di formazione e sostegno per gli aspiranti imprenditori: un volano per almeno mille posti di lavoro tra nuovi assunti, conferme di contratti di lavoro, e nuovi imprenditori.

“L’impresa resta un motore non solo economico ma anche sociale – ha spiegato Carlo Edoardo Valli Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza -. In questo particolare momento l’impresa finisce per essere un ammortizzatore sociale: la situazione va monitorata e il rischio è che le imprese una volta nate non sopravvivano. Vanno quindi sostenute affinché possano rimanere sul mercato. Come Camera di commercio abbiamo dato vita al pacchetto occupazione: si tratta di misure concrete per stare vicino alle imprese e alle persone che vi lavorano, che sono poi il vero valore aggiunto della piccola media impresa.”

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi