16 Aprile 2021 Segnala una notizia

Pacchetto di semplificazione per gli aiuti di Stato

2 Maggio 2009

La Commissione europea ha adottato un pacchetto di semplificazione per gli aiuti di Stato contenente un codice delle migliori pratiche e una comunicazione su una procedura semplificata. Entrambi mirano a migliorare l’efficacia, la trasparenza e la prevedibilità delle procedure in ciascuna fase delle indagini sugli aiuti di Stato, promuovendo quindi la cooperazione volontaria tra Commissione e Stati membri.

In particolare, i due testi propongono che gli Stati membri intensifichino i loro contatti prima di notificare le misure di aiuto, in modo da eliminare le potenziali difficoltà sin dalle prime fasi del processo, e includano una serie di strumenti di pianificazione migliorati per gestire tutti i casi, anche quelli più difficili. L’adozione del pacchetto di semplificazione è una tappa importante del programma di riforma annunciato dalla Commissione nel suo piano d’azione 2005 sugli aiuti di Stato (vedi IP/05/680).

Neelie Kroes, commissario responsabile per la concorrenza, ha dichiarato: “Il pacchetto di semplificazione in materia di aiuti di Stato procurerà vantaggi alle imprese in quanto agevolerà e accelererà le decisioni in questo ambito, in particolare migliorando e anticipando la cooperazione tra Stati membri e Commissione. Adottando il codice delle migliori pratiche e la comunicazione su una procedura semplificata, la Commissione ha mantenuto la sua promessa di modernizzare e semplificare le procedure nel settore degli aiuti di Stato, come indicato nel suo piano d’azione.”

Il pacchetto di semplificazione intende facilitare, rendendolo quindi più rapido, il trattamento di vari tipi di procedure nel settore degli aiuti di Stato: misure lineari notificate alla Commissione, casi complessi che sollevano questioni inedite, denunce, in linea con l’obiettivo annunciato nel piano d’azione 2005 sugli aiuti di Stato (IP/05/680), che auspicava procedure più semplici, efficaci e prevedibili in questo settore. Il pacchetto è stato oggetto di ampie discussioni con Stati membri e interlocutori esterni (vedi IP/08/1950) ed ha suscitato reazioni globalmente positive.

Il codice delle migliori pratiche spiega dettagliatamente come dovrebbero svolgersi, in pratica, le procedure in materia di aiuti di Stato, specialmente in termini di durata, trasparenza e prevedibilità. Il codice comprende un certo numero di intese volontarie fra Commissione e Stati membri per rendere le procedure più razionali e prevedibili in tutte le fasi delle indagini sugli aiuti di Stato. Esso si applicherà a tutti i casi non contemplati né dal regolamento generale di esenzione per categoria (vedi IP/08/1110) né dalla comunicazione sulla procedura semplificata.

Il codice delle migliori pratiche si basa su un impegno congiunto della Commissione e degli Stati membri. Da un lato, la Commissione offrirà contatti pre-notificazione più regolari onde migliorare la qualità e la completezza delle notificazioni. I casi particolarmente inediti, complessi o urgenti saranno gestiti secondo una pianificazione stabilita di comune accordo. La Commissione cercherà inoltre di raggruppare le sue richieste di informazioni. Dall’altro lato, gli Stati membri sono invitati a rispondere in modo più celere ed esauriente alle richieste della Commissione relative ai casi. A tal fine, il codice propone altresì un’applicazione rigorosa degli strumenti procedurali esistenti onde incoraggiare gli Stati membri a reagire tempestivamente e ad evitare ritardi nello svolgimento dei procedimenti. Il codice delle migliori pratiche intende anche migliorare la procedura applicata alle denunce, prevedendo tra l’altro un calendario indicativo e una migliore informazione dei denuncianti.

La procedura semplificata dovrebbe permettere alla Commissione di gestire meglio i casi semplici, come quelli chiaramente in linea con gli strumenti orizzontali esistenti o con la prassi decisionale consolidata della Commissione. La Commissione intende adoperarsi affinché un aiuto di Stato chiaramente compatibile sia approvato entro un mese se lo Stato membro fornisce una notificazione completa. A tal fine, la comunicazione contiene anche un elenco illustrativo di misure di aiuto, inclusi determinati aiuti alle PMI, gli aiuti alla tutela ambientale, all’innovazione, al salvataggio e alla ristrutturazione che, in linea di principio, si prestano a un trattamento semplificato.
Questa nuova procedura dovrebbe essere non solo più rapida, ma anche più trasparente: le parti interessate avranno un’ulteriore possibilità di formulare osservazioni sulla misura di aiuto di Stato proposta, poiché sul sito web della Commissione sarà pubblicato anticipatamente un riepilogo delle misure notificate dallo Stato membro nell’ambito della procedura semplificata.
Nessuna di queste iniziative si applicherà alle misure notificate dagli Stati membri nell’ambito della crisi finanziaria ed economica attuale, per le quali sono state stabilite specifiche procedure interne ad hoc che consentono alla Commissione di esaminare le misure notificate con la massima urgenza.

Il codice e la comunicazione sono disponibili in inglese, francese e tedesco sul sito web della Commissione al seguente indirizzo: http://ec.europa.eu/competition/state_aid/reform/reform.html
Saranno presto disponibili altre versioni linguistiche.
Per ulteriori informazioni, vedi MEMO/09/208.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi