22 Aprile 2021 Segnala una notizia

Meno vapori di benzina durante il pieno

11 Maggio 2009

Le stazioni di servizio nuove e quelle esistenti in fase di ristrutturazione dovranno equipaggiarsi con un sistema di recupero dei vapori di benzina emessi nell’atmosfera durante il rifornimento dei veicoli a motore. E’ questa la decisione presa a larghissima maggioranza dal Parlamento, riunito per l’ultima volta a Strasburgo prima delle elezioni europee del 6 e 7 giugno: 598 voti favorevoli su 626.

A certe condizioni la misura si applicherà – nel 2018 – anche alle altre stazioni esistenti, ma non a quelle utilizzate nelle fabbriche di veicoli e negli autosaloni. I consumatori dovranno essere informati del ricorso a questi dispostivi.
La nuova direttiva stabilisce una serie di misure per ridurre la quantità di vapori di benzina emessi nell’atmosfera durante il rifornimento dei veicoli a motore nelle stazioni di servizio. Lo scopo è di proteggere la salute umana e tutelare l’ambiente. Gli Stati dell’Unione europea dovranno mettere in vigore le disposizioni necessarie per conformarsi alla direttiva entro il 1° gennaio 2012.

Esiste già una direttiva europea del 1994 sul controllo delle emissioni di composti organici volatili (COV) derivanti dal deposito della benzina e dalla sua distribuzione dai terminali alle stazioni di servizio, la cosiddetta fase I del recupero dei vapori di benzina. La norma punta a recuperare i vapori di benzina emessi dal deposito e dalla distribuzione della benzina fra i terminal petroliferi e le stazioni di servizio.

La nuova direttiva avvia il “sistema della fase II del recupero dei vapori di benzina”, imponendo il ricorso a un’attrezzatura che recupera i vapori di benzina spostati dal serbatoio del carburante di un veicolo a motore durante il rifornimento in una stazione di servizio per trasferirli in una cisterna di stoccaggio nella stazione di servizio o riconvogliarli al distributore di benzina per rimetterli in vendita.

Le stazioni di servizio nuove dovranno essere equipaggiate con un sistema di questo tipo se superano determinati livelli di flusso di carburante all’anno o se sono situate in edifici utilizzati in modo permanente come luoghi di residenza o di lavoro. Lo stesso vale per i distributori esistenti oggetto di una ristrutturazione completa. Invece, non dovranno essere equipaggiate con tale sistema le stazioni di servizio utilizzate esclusivamente in associazione alla produzione e alla consegna di nuovi veicoli a motore. L’efficienza della cattura dei vapori di benzina di tali sistemi dovrà essere di almeno l’85%. Almeno una volta l’anno si dovrà procedere alla verifica dell’efficienza. Il consumatore dovrà essere avvertito della presenza di un sistema di recupero con cartelli da sistemare nel distributore di benzina o nelle sue vicinanze.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi