16 Aprile 2021 Segnala una notizia

A Seregno 400 alberi dove c’era sporco e degrado

6 Maggio 2009

alberiQuattrocento nuovi alberi – un parco completamente nuovo – dedicato a Papa Giovanni Paolo II: il Papa della pace, ma anche il Papa che ha difeso il verde e la natura. Il nuovo polmone verde – nato dove c’era un’area degradata – sarà inaugurato sabato 16 maggio alle ore 11. Si tratta di un’area verde di 25 mila metri quadrati, compresa tra via Stoppani e via San Vitale, prende il posto di una zona sterrata utilizzata come “parcheggio selvaggio”.

“Il nuovo parco – spiega il Sindaco – è un importante tassello per la costruzione di una città con uno standard di verde elevato e per la riqualificazione di alcune aree ‘degradate’. Per questo abbiamo progettato un parco innovativo; un’area verde che possa diventare un luogo di incontro sicuro per famiglie con bambini, per gli anziani e per chiunque voglia fare sport o solo stare all’aria aperta.”

Innanzitutto al parco si accede da due ingressi caratterizzati da pergolati di glicine su strutture in cemento armato e acciaio. Per la pavimentazione degli ingressi sono stati utilizzati i cubetti di porfido recuperati da piazza Risorgimento. All’interno ci sono due piccole piazze, pavimentate in pietra che possono essere usate in occasione di eventi particolari.

“Gli interventi più interessanti – commenta l’assessore al Territorio Attilio Gavazzi – sono tre: il recupero del ‘bosco’ di robinie esistente con l’integrazione di altre piante tipiche delle foreste lombarde, la realizzazione di un piccolo frutteto e di un’area denominata ‘le 7 querce’ perché caratterizzata dalla presenza di sette specie differenti di querce. E’ un intervento di grande qualità urbanistica che restituirà ai residenti e a tutti i seregnesi un’area che fino ad oggi era lasciata in uno stato di sostanziale abbandono.”

La novità di questo intervento è il “percorso dei cinque sensi” che si sviluppa lungo un anello, in parte in asfalto e il parte in calcestre, un materiale tradizionale, compatibile dal punto di vista ambientale e adeguato al contesto di un parco. Un giardino con piante e fiori e un piccolo frutteto in grado di stimolare attraverso i colori e i profumi le persone, soprattutto i bambini, che attraversano il parco. Ma non solo. E’ anche un “giardino sonoro”: il rumore dell’ acqua e il canto degli uccelli permette l’esercizio di tutti i cinque sensi.

I percorsi secondari, riconoscibili per differenti “texture” di pavimentazione e per una dimensione più ridotta, collegano l’anello principale agli spazi tematici del giardino didattico.”Questi percorsi – precisa Gavazzi – sono stati pensati in modo particolare per i bambini, dai tre agli otto anni, spesso poco considerati nella progettazione degli spazi pubblici.” Lungo i percorsi secondari sono poste piccole aree destinate a spazi tematici dedicati al gioco e all’educazione ambientale.

Al centro del parco è stata posizionata una fontana a raso in pietra con un getto centrale e cinque laterali. “La fontana – precisa Gavazzi – si trova nel punto esatto da sui il Papa ripartì in elicottero dopo la visita del 1983 a Seregno”.

Il “verde” è l’elemento unificante del progetto che punta su specie adatte all’ambiente urbano e autoctone, in modo da garantire una facile manutenzione e migliori condizioni di vita delle piante: sono stati piantati 370 alberi e 1.500 arbusti; è stato recuperato il “bosco” di robinie con l’inserimento di altre piante tipiche del territorio lombardo ed è stata creata un’area denominata “le 7 querce”, caratterizzata dalla presenza di sette specie differenti di querce.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi