10 Maggio 2021 Segnala una notizia

Famiglia rapinata e malmenata da tre spietati rapinatori

28 Aprile 2009

carabinieriQuindici minuti di terrore per una famiglia Desio, ostaggio di tre rapinatori spietati e senza scrupoli. La notte è iniziata ieri poco dopo la 22. La padrona di casa, 53 anni, casalinga, aveva aperto la finestra della sala da pranzo per cinque minuti, prima di andare a letto. Quando è tornata a chiuderla, si è sentita gelare il sangue nelle vene. Un uomo di corporatura robusta, alto quasi due metri, con il volto incappucciato da un passamontagna nero e con un’arma in pugno, era entrato in soggiorno, e le stava venendo incontro. La donna ha avuto appena il tempo di cacciare un urlo di terrore. Il rapinatore le aveva già stretto un braccio attorno al collo, tappandole la bocca con una mano, mentre un suo complice aveva puntato la pistola alla tempia del marito, un imprenditore di 54 anni e un terzo uomo era salito al piano di sopra per immobilizzare il figlio, uno studente universitario di 23 anni. Udendo le urla della madre, il ragazzo ha chiamato i carabinieri con il cellulare. E al rapinatore che gli chiedeva a chi stava telefonando, ha risposto con sangue freddo: «Tranquillo, stavo chiacchierando con la mia ragazza». Passamontagna nero in testa, guanti di lattice alle mani, i banditi hanno agito come rapinatori esperti e con alle spalle già numerosi colpi. Dopo aver accertato che in casa non c’era nessun altro, si sono fatti accompagnare davanti alla cassaforte di famiglia, facendosi dare la combinazione. Quando si sono accorti che dentro c’erano appena 15mila euro in oro e gioielli, sono andati su tutte le furie. Convinti che in casa di fosse un’altra cassaforte, hanno iniziato a malmenare e a strattonare prima l’imprenditore, poi sua moglie e infine pure il figlio, minacciandoli di morte con le pistole puntate alla tempia e urlando: «Bastardi, fateci vedere dove si trova la seconda cassaforte, altrimenti vi uccidiamo tutti». «In casa non c’è nessuna cassaforte – ha risposto con le lacrime agli occhi l’imprenditore -. Dovete credermi: non abbiamo più niente». Solo dopo quindici drammatici minuti di serrata trattativa, i rapinatori hanno deciso di mollare la loro preda e di fuggire. Ma, a sorpresa, di fronte al cancello della villa, hanno trovato ad aspettarli i carabinieri. Due banditi sono riusciti a fuggire nei campi alla periferia tra Desio e Seregno. Il capo della banda invece è stato circondato e arrestato. Inutilmente il 46enne ha tentato di nascondersi nel giardino di una villa non lontano da quella che aveva appena assaltato.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi