08 Maggio 2021 Segnala una notizia

Diciotto nuovi capannoni per 200 nuovi posti di lavoro

22 Aprile 2009

seregno-prima_pietra_polo_artigianaleUn polo produttivo all’avanguardia nel settore artigianale che offrirà almeno 200 posti di lavoro con un ridotto impatto ambientale, dove saranno insediate diciotto attività produttive. E’ il primo esempio in Lombardia in cui una pubblica amministrazione costruisce direttamente capannoni tagliati su misura delle esigenze delle piccole e piccolissime imprese artigianali che, oggi, non trovano sul mercato strutture adatte alle loro dimensioni.

Aperto in via Londra a Seregno il cantiere per la costruzione di diciotto capannoni a sostegno delle attività produttive della città: un esempio di come le istituzioni locali possano intervenire per rilanciare lo sviluppo economico e l’innovazione tecnologica. A presentarlo sono arrivati questa mattina il Sindaco di Seregno Giacinto Mariani e l’assessore allo Sviluppo delle Attività Economiche e Produttive Marco Formenti insieme al consigliere provinciale Attilio Gavazzi.

La nuova tecnopoli dell’artigianato costerà un milione e 900 mila euro per diciotto capannoni di circa 175 metri quadri distribuiti su un’area di circa 8 mila metri assegnati ad altrettante attività artigianali di Seregno. Questi in sintesi i “numeri” dell’intervento, che prevede anche la realizzazione della viabilità interna al comparto, dei marciapiedi, dei parcheggi, degli spazi verdi, dell’illuminazione pubblica e della rete dei sottoservizi, compreso il teleriscaldamento: un investimento di 440 mila euro per le opere di urbanizzazione.  

Un’attenzione particolare è stata data all’impatto ambientale. I capannoni saranno collegati con la rete di teleriscaldamento che abbatte le emissioni e aumenta i livelli di sicurezza per le persone che ci lavoreranno e per residenti dell’intera area. Un altro aspetto verde riguarda la produzione di energia: tutti i capannoni saranno predisposti per la posa di pannelli fotovoltaici, quindi a energia pulita.

Interessanti le condizioni finanziarie, in un momento in cui le piccole e medie imprese hanno bassa liquidità. Alla presentazione della domanda, l’impresa ha consegnato una fideiussione bancaria o assicurativa pari al 10% del prezzo del capannone. Dopo l’assegnazione, l’imprenditore dovrà versare un acconto del 30%, mentre il saldo è previsto solo alla consegna.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi