28 Febbraio 2021 Segnala una notizia

Largo allo sviluppo sostenibile

28 Ottobre 2008

Giovedì a Cesano Maderno si terrà l’incontro internazionale "Manifesto europeo: precauzione, prevenzione e partecipazione per affrontare i rischi di incidente rilevante". L’iniziativa è organizzata da Agenda21

 

Rischio di incidente rilevante? No grazie, meglio la sostenibilità. Per parlarne, nel’ambito delle iniziative di Agenda21 è stato organizzato un incontro internazionale a Palazzo Arese Borromeo, a Cesano Maderno. Si discuterà del manifesto europeo in merito e non solo, si affronteranno le tematiche relative allo sviluppo sostenibile a 360 gradi.

«Lo Sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri» così diceva Gro Harlem Brundtland nel 1987. Il principio di sostenibilità applicato al concetto di sviluppo comporta l’adesione ad una opzione sostanziale: quella dell’inviolabilità del diritto delle future generazioni ad accedere a risorse naturali e a disporre di beni e servizi per il soddisfacimento dei propri bisogni. Tale opzione richiede di essere perseguita attraverso la salvaguardia della qualità e della quantità del patrimonio ambientale, lo sviluppo di capacità tecnologiche, di conoscenze e abilità, la prevenzione di eventi che, per la loro gravità, producono effetti prolungati ed estesi nel tempo e nello spazio. Lo sviluppo sostenibile deve necessariamente mettere in relazione ambiente, società ed economia, considerando costi, benefici e responsabilità di individui e gruppi nel consumo o nel degrado di risorse ambientali e portandoli all’interno della sfera economica che regola la distribuzione delle ricchezze. Lo sviluppo sostenibile è una pratica di cambiamento nella realtà quotidiana così come nella politica economica e nella ricerca scientifica. L’opportunità dello sviluppo sostenibile deve trovare un radicamento nei processi di globalizzazione economica, sociale e ambientale. Gli organismi politici internazionali, le confederazioni tra gli Stati, le organizzazioni del commercio e dell’industria, devono rispondere al bisogno di sviluppo sostenibile attraverso programmi, politiche d’indirizzo e regole per il mercato. I cittadini, i consumatori e le comunità locali.

L’incontro di giovedì sarà l’occasione per approfondire la tematica del rischio industriale e dello stato di gestione di questo rischio da parte del territorio, ma anche da un punto di vista giurico, medico e ambientale. All’iniziativa parteciperanno gli assessori regionali Davide Boni e Massimo Ponzoni, l’assessore pronviciale Gigi Ponti e il presidente della Fondazione Lombardia per l’Ambiente Giovanni Bottari. «E’ una proposta – ha dichiarato Michela Vaccaro, assessore ad Agenda21 di Cesano – Attenta ai problemi ambientale che può essere una risorsa importante per quelle amministrazioni che ne faranno tesoro. In questi anni si è intrapresa una direzione giusta, ovvero quella di coinvolgere sempre più la popolazione nelle scelte che riguardano il futuro di tutti e la messa in rete di queste problematiche potrà dare un contributo sostanziale per la soluzione dei problemi». Nel corso della giornata verrà anche presentato il manifesto europeo, un manifesto operativo per applicare, attraverso la partecipazione locale, la direttiva Seveso, collegandola anche al regolamento Reach, che ha lo scopo di migliorare la conoscenza dei pericoli e dei rischi derivanti da prodotti chimici. «Questo confronto di esperienze  –  ha commentato l’assessore desiano ad Agenda21 Marina Romanò – E’ positivo sia per creare attenzione riguardo alle tematiche ambientale sia per impedire che il ripetersi di episodi gravi come quelli accaduti in passato nel nostro territorio». Il riferimento all’incidente Icmesa di Seveso è palese, ma le attività di Agenda21 soddisfano anche il presidente dell’agenzia Innova21, Marzio Marzorati: «Quello che stiamo presentandoè un Manifesto innovativo, redatto dopo un anno di lavoro dell’agenzia Innova21 in collaborazione con molteplici partners italiani e stranieri. Le Amministrazioni locali si sono mostrate grandemente interessate al tema e tutti si stanno impegnando per far sì che gli errori del passato non si ripetano mai più».

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi