22 Settembre 2021 Segnala una notizia

Imprenditori a cavallo della Tigre asiatica

6 Marzo 2008

20080306_ufficio_cina.jpgLa Cina è vista ormai da molti come un’opportunità produttiva e di scambio commerciale. L’office China di Confidustria è un valido supporto per le aziende. Attivato tre anni fa adesso è anche al servizio del territorio lecchese

 

La Tigre asiatica non fa più paura agli imprenditori brianzoli, anzi secondo un’indagine di Confindustria Lombardia su un campione di imprese fortemente esportatrici, la Cina, con il 16,4 per cento delle destinazioni di merci, è il quarto paesi di riferimento per il loro business. Ha ormai scavalcato il Giappone (15 per cento) e secondo le previsioni le imprese brianzole nei prossimi 3 anni svilupperanno ulteriormente la loro presenza nel continente asiatico che sta prendendo il posto degli Stati Uniti come punto di riferimento. Le esportazioni sono le attività prevalenti (93,6 per cento) seguite dalle importazioni (43,6 per cento), dalle lavorazioni conto terzi (5 per cento) e dalla produzione diretta all’estero (2,9 per cento). I due canali più utilizzati dalle imprese brianzole per favorire le vendite all’estero continuano ad essere le proprie reti distributive (34,4 per cento) e la figura dell’agente distributore (33,6 per cento).

In questo scenario si inserisce lo sportello "Office China" attivato nel 2005 da Confindustria Brianza e che offre supporto per stabilire e consolidare la presenza aziendale in qualsiasi località cinese. E’ un servizio operativo per verificare potenziali partners, ricevere o inviare campionature, individuare tecnici per effettuare controlli di qualità e fare ricerche di mercato. Lo sportello è ora a disposizione anche delle imprese del territorio lecchese. «E’ un servizio innovativo e importante che consentirà alle nostre associate di pensare alla Cina come ad un’opportunità in più» ha commentato Giovanni Maggi, vicepresidente di Confidustria Lecco. Anche i segnali e i dati che arrivano dal lecchese indicano che il continente asiatico è ormai considerato un’opportunità dagli imprenditori: i rapporti sono aumentati del 22 per cento e nel 2007 Lecco ha avuto un interscambio commerciale con la Cina per 178 milioni di euro. In quanto a investimenti produttivi realizzati dalle aziende lecchesi poi, la Cina è al primo posto.

«Il Business office China nei suoi tre anni d’attività – ha commentato Andrea Dell’Orto presidente dei Meccanici e ideatore del progetto – Ha sviluppato una importante specializzazione nel dare assistenza alle piccole e medie imprese del territorio che, in linea generale, si affacciano al mercato cinese con obiettivi commerciali o di collaborazione produttiva». Lo sportello ha fornito assistenza per progetti mirati, come la ricerca di un particolare componente o prodotto, la necessità di un agente o di un distributore per un segmento di mercato, la volontà di avviare un accordo produttivo. «Il punto di forza del nostro ufficio – ha concluso Dell’Orto – Credo sia stata proprio la flessibilità e la capacità di dare risposte dirette e circoscritte ai problemi concreti, che è proprio ciò che serve ad una piccola impresa».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi