25 Settembre 2021 Segnala una notizia

Bash. Festa o pestaggio

8 Marzo 2008

20080803_bash.jpg«Mi piace semplicemente leggere»:  così,  Pierfrancesco Pisani si presenta al pubblico di Social Club e porta sul palco di bancali di AreaOdeon il dualismo di una piéce che scuote e domanda

Una presentazione che promette scintille: Marcello Arosio, organizzatore della rassegna Social Club, lo presenta come un "esploratore di drammaturgia contemporanea", ma lui, Pierfrancesco Pisani, mente della piéce di sabato sera ad AreaOdeon, si racconta così «mi piace semplicemente leggere».

E ha scelto "Basch", un testo molto forte, forse il più forte di LaBute, mettendo in scena uno spettacolo costruito sulle dualità a partire dal titolo: Bash è festa ma anche pestaggio. Azioni quotidiane, giochi e divertimento, su un palcoscenico fatto di bancali grezzi, si scambiano di posto trasfomandosi in epiloghi macabri. Così nel mondo Bash uno scherzo tra amici può finire nella fine tragica e inspiegabile di una vita, o, a seconda della lettura che lo spettatore vorrà, in un delirio, follia che lascia fisicamente vivi ma che nega l’esistenza emotiva. Così una festa tra compagni di scuola, un anniversario d’amore si ricoprono di sangue se alla luminosità di Sue, giovane e bellissima fidanzatina americana con tanto di bocciolo appuntato al vestito di taftà, fa da contro la paura della differenza che trasforma Jack un rabbioso omicida.

Come ormai di rito, abituale per ogni appuntamento di Social Club, alla performance ha fatto seguito uno scambio tra artisti e pubblico. «Il testo mi ha affascinato perchè sebbene rappresenti uno spaccato della società americana, il racconto può essere sovrapposto agli eventi di cronaca nazionali» racconta Pierfrancesco Pisani. Dal dibattito emergono anche temi impegnativi «bisogna fare così perchè lo dice la chiesa, e allora siamo buoni in apparenza, ma dentro c’è un inferno che si muove. Credo che chi fa male agli altri nasconda un disamore verso se stesso»: Federico di Stasio descrive così il suo personaggio Jack recitato a tratti con forza straordinaria. Ma il tema centrale, emblema della ricerca artistica di Social Club, è stato toccato da Donato Paternoster: l’attore che ha dominato il primo atto con doti di immediatezza e grande capacità di coinvolgere il pubblico ammette: «vorrei poter sempre guardare negli occhi il pubblico». E per questo non c’è palco migliore di AreaOdeon.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi