28 Novembre 2020 Segnala una notizia

Uno studio per capire quale sia l’anestesia migliore

13 Febbraio 2008

20080206san-gerardo.jpgIl San Gerardo capofila di un progetto che darà le linee guida al Ministero per le migliori strategie operatorie in neurochirugia. A dirigere la ricerca Giuseppe Citterio

 

Il San Gerardo di nuovo al centro della ricerca clinica, con l’avvio di uno studio sulla strategia anestesiologica più conveniente ed efficace in neurochirurgia. La ricerca sarà finanziata da Aifa (Agenzia italiana per il farmaco)  che ha stanziato 570 mila euro e i risultati potrebbero concorrere a definire le linee guida nazionali in materia.

Saranno coinvolti altri 14 centri ospedalieri che operano in campo neurochirurgico, tra i quali il San Raffaele, le Molinette di Torino, il Gemelli e l’Umberto I di Roma e il Policlinico di Siena. Capofila del progetto sarà l’ospedale di Monza e il principale ricercatore sarà Giuseppe Citterio del Dipartimento di Terapia intensiva e medicina Perioperatoria (diretto da Antonio Pesenti) e responsabile della Neurorianimazione, struttura nata nel 2003 che ha oggi 5 posti letto e 350 ricoveri l’anno, in gran parte provenienti dall’area urgenza-emergenza.

Lo studio durerà due anni e valuterà tra le diverse strategie anestesiologiche in neurochirurgia, quella più conveniente dal punto di vista del beneficio e della soddisfazione del paziente, quella più efficace clinicamente, in grado cioè di garantire tempi di risveglio veloci e un ridotto stress chirurgico e post chirurgico. «Negli ultimi decenni – spiega Citterio – Si sono susseguiti diversi tentativi di definire la miglior pratica anestesiologica per le procedure neurochirurgiche, ma non si sono raggiunte conclusioni certe. La scelta adottata si è sempre basata, fino ad oggi, sulle preferenze dell’anestesista e sulle procedure anestefiologiche locali». Lo studio avrà il supporto dell’Istituto di ricerche farmacologiche "Mario Negri" e interesserà 390 pazienti, selezionati tra coloro che devono essere sottoposti a interventi programmabili neurochirurgici, in particolare craniotomie, in anestesia generale e senza altre patologie in corso, in buono stato fisico e di età compresa tra i 18 e i 75 anni. «I risultati ottenibili dallo studio – continua Citterio – Sono rilevanti i quanto applicabili a circa 10 mila interventi oggetto dell’impegno scientifico». E potranno dare significative indicazioni al ministero della Salute e al servizio Sanitario nazionale sul piano economico dei costi sanitari.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi