17 Settembre 2021 Segnala una notizia

Una Provincia, un solo linguaggio per l’Ici

25 Febbraio 2008

20080225_bollettino_ici.jpgLa proposta elaborata dall’ordine dei dottori commercialisti di Mb e inviata ai 50 sindaci dei Comuni. Parola d’ordine: semplificare le procedure di applicazione dell’imposta 

 

Un unico linguaggio in tema di Ici, l’imposta comunale sugli immobili. E’ quello proposto ai sindaci dei 50 Comuni brianzoli, unitamente alle semplificazione della normativa, dall’Osservatorio fiscale della Camera di Commercio Mb, in collaborazione con la Provincia di Milano e il Progetto Monza e Brianza. Bisognerà vedere adesso quale sarà la risposta delle Amministrazioni e se la soluzione di armonizzare l’applicazione del tributo verrà accolta.

La proposta è stata elaborata dall’Ordine dei commercialisti e degli Esperti contabili di Monza e Brianza, dopo un’analisi campione condotta su 27 Comuni, dalla quale emerge un quadro disomogeneo nell’applicazione dell’Ici, considerando che sono in vigore regolamenti comunali diversi. La richiesta avanzata è quella di utilizzare un solo metodo di calcolo, con un modello provinciale di regolamento e un bollettino uguale per tutti. Ogni Amministrazione avrà comunque a disposizione delle opzioni, cioè delle alternative e delle aliquote impositive più opportune per il suo territorio. La proposta vuole permettere la piena funzionalità del modello F24 in tema di versamento e compensazione dei crediti d’imposta, estendere a tutti i Comuni il differimento a sei mesi dei termini per il versamento dell’Ici da parte degli eredi, definire la nozione di "inutilizzo di fatto degli immobili", favorire la piena efficacia dell’autocertificazione e utilizzare l’Isee (Indicatore socio economico equivalente) quale criterio per definire i soggetti in condizioni di disagio economico.

«La nuova Provincia nasce anche come occasione per semplificare le procedure e renderle più trasparenti e questa è una proposta concreta in tal senso – è stato il commento dell’assessore all’attuazione della nuova Provincia Gigi Ponti – Sono convinto inoltre che una maggiore chiarezza e velocità di un unico regolamento porteranno anche ad un risparmio finale per l’utente». Anche il presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti, Gilberto Gelosa, ha espresso parere favorevole: «Questo progetto è la dimostrazione che l’impegno per un fisco più trasparente non è solo responsabilità del Legislatore – ha dichiarato – Ma nasce dalla collaborazione responsabile di tutti coloro che operano sul territorio, degli enti locali, dei cittadini, delle imprese, delle libere professioni. Questo può fare molto per rendere più comprensibile un prelievo fiscale troppo spesso vissuto come imposizione mal tollerata, riducendo i costi impropri a carico della collettività».

A detta del presidente della Camera di Commercio, Carlo Edoardo Valli, la dimensione fiscale è di grande interesse per le imprese, per questo la Ciaa ha promosso il tavolo della fiscalità, «come occasione di conoscenza e proposta che vede una vasta e qualificata partecipazione, convinti come siamo che la leva fiscale è uno strumento di equità e democrazia e un prerequisito per lo sviluppo economico».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi