18 Settembre 2021 Segnala una notizia

Poesia sonora, la voce invita al silenzio

15 Febbraio 2008

20070523-frangione04.jpgAvviato martedì scorso un trittico di serate di action poetry dal titolo "La voce in movimento". Il primo appuntamento è stato con Nicola Frangione, artista e performer

Ancora poesia a Monza. Un’altra serata di intense emozioni liriche e visive ha preso vita infatti al Loft, locale di via Borgazzi, in cui Nicola Frangione ha tenuto la prima delle tre readings di poesia sonora organizzate da Harta Performing. Per la poesia, il locale monzese è stata una sede del tutto inesplorata, almeno fino ad oggi. L’idea di ospitare un evento così singolare è nata quasi per caso. «Il Loft è un posto che conosco molto bene perchè vi sono esposte molte delle mie opere artistico-visive, sia materiche sia grafiche – ci ha spiegato Frangione poco prima che cominciasse la sua performance – da parte loro c’era la voglia di sperimentare qualcosa di diverso dalle solite serate musicali e mi hanno chiesto di organizzare tutto questo. Per non essere scettico, nè arrogante, ho deciso di accettare; spesso così nascono cose molto interessanti». Di certo non è mancato il pubblico, presente in buon numero e in molti casi attirato dalla fama di singolare declamatore dell’artista.

20080212_frangioneloft2.jpgNel mezzo dell’atmosfera lounge del locale, Frangione ha evocato un momento mistico facendo ricorso alle sue tipiche peculiarità performative. Immancabile il sottofondo musicale con alcune frasi preregistrate del poeta che si sono intrecciate con il testo recitato. Anche le immagini proiettate alle sue spalle, che si distorcevano e mutavano in continuazione, sono state una controparte ben equilibrata del discorso stesso, che a sua volta si contorceva e si contraeva costantemente. Il testo, sottolineando la contraddizione dell’uso senza coscienza della parola, ha evidenziato le contraddizioni della realtà ordinaria. Momento decisivo nello svolgimento del discorso è stato il "se…", l’ipotesi, le possibilità infinite e mai attuate ma sempre potenzialmente attive. Come spesso in altre readings di Frangione, la protagonista assoluta è stata la voce, «una necessità, un’uscita da uno spazio per giungere in un altro spazio», alla ricerca di un contenuto vero da esprimere. «Non voglio significanti, voglio solo una voce in grado di comunicare», è stato uno dei versi più liberatori di tutto lo sviluppo della lettura. La vera forza espressiva di Frangione è costituita da tutti i diversi momenti in cui sembra davvero invasato e posseduto dal furore poetico. Che non gli impedisce mai, comunque, di rivolgersi al pubblico in momenti strategici, per far sì che non si perda il contatto, che non si interrompa il fluido che tiene uniti uditorio e artista.

20080212_frangioneloft3.jpg

Il viaggio della voce di Frangione è arrivato fino alla dibattuta questione su cosa sia l’arte, la poesia. Per tutta risposta, il performer ha regalato al pubblico un’immagine incisiva. Dopo aver gonfiato un palloncino rosso e averci scritto sopra "poeta", per rispondere alla domanda ha semplicemente continuato a soffiarci dentro, finchè non è esploso. «L’arte non è estetica, ma soltanto cuore. E il cuore non è romanticismo, ma l’essenza stessa dell’umanità», ha dichiarato. E l’artista, per citare la sua stessa opera è «un Pinocchio che paga a caro prezzo per i suoi sogni». La lettura, una volta terminata, ha lasciato un pubblico senza parole, chissà se perchè colpito dalla potenza espressiva della performance. Può anche tranquillamente darsi che non l’abbia compresa appieno. Sarebbe di certo un gran peccato, ma Frangione resta positivo: «Non vedo perchè pensarlo. Le persone sono intelligenti».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi