25 Novembre 2020 Segnala una notizia

Peg Perego: incubo licenziamento per 155

13 Settembre 2007

20070912-pegperego.jpgL’azienda annuncia l’intenzione di mettere in mobilità una poarte consistente dei lavoratori della stabilimento di Arcore: Tra le cause della "cura dimagrante" la delocalizzazione 

 

Doccia fredda per i lavoratori della Peg Perego. Martedì pomeriggio la proprietà ha annunciato con una lettera indirizzata al sindacato l’intenzione di avviare la procedura di mobilità per 155 dei 638 dipendenti dello stabilimento di Arcore. «A luglio – spiega Gigi Redaelli, segretario generale della Fim Cisl Brianza – avevamo avuto alcuni incontri con la proprietà proprio per discutere delle difficoltà aziendali. Ci eravamo poi dati appuntamento a settembre per approfondire la questione. E invece, come un fulmine a ciel sereno, martedì ci è arrivata la lettera dell’azienda».

La Peg, storica società che produce carrozzine e giocattoli, da uno o due anni, sta attraversando un periodo critico. L’aumento della concorrenza, un mercato in contrazione, l’euro sempre più forte rispetto al dollaro hanno inciso profondamente sui bilanci dell’azienda che, nel 2006, ha visto l’utile quasi azzerarsi. Da qui la decisione della proprietà di ridurre del 25% l’organico del sito produttivo di Arcore (l’azienda ha due altri stabilimenti – uno a San Donà del Piave e uno a Ceggia – non toccati dal provvedimento). Più colpito dovrebbe essere il polo tessile della Peg (dove si eseguono le lavorazioni sui tessuti) nel quale dovrebbero essere posti in mobilità 87 dei 171 dipendenti. Limitato invece l’impatto sul polo metalmeccanico (dove si effettuano montaggi, premontaggi e assemblaggi) dove sarebbero interessati 68 lavoratori su 467.

Martedì, all’annuncio del procedimento di mobilità, in azienda si è tenuto uno sciopero di due ore. «Nei prossimi giorni – spiega Redaelli – non organizzeremo altre iniziative di lotta. La proprietà ci ha convocato per un incontro giovedì 20. In quella occasione chiederemo spiegazioni del provvedimento e contesteremo il metodo unilaterale con il quale è stata assunta la decisione di aprire la procedura di mobilità»

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi