02 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Con i “big” sprint verso il voto

21 Maggio 2007

dipietro

Da Rivera, a Giordano, a Di Pietro, da La Russa a Sgarbi: e poi Pecoraro Scanio, Fini, Bossi, Veltroni, Fassino e Letta. L'importanza della posta si misura dal numero dei leader politici che intervengono per la chiusura della campagna elettorale 

Inizia oggi l'ultima settimana della campagna elettorale. Anzi: è iniziata venerdì scorso,con una serie di appuntamenti che hanno arricchito il weekend politico monzese. Si è iniziato venerd', appunto, alle 18 con l'entrata in campo di Gianni Rivera, intervenuto al Teatro Manzoni per parlare di sport con Michele Faglia e l'assessore allo Sport uscente, Dino Dolci. L'ex "Golden Boy"milanista, oggi parlamentare europeo e consulente per le questioni sportive del sindaco di Roma Walter Veltroni,  si è opposto, nel derby politico contro il centro destra, al rivale di sempre, Sandro Mazzola, che un paio di settimane si era speso a favore di Marco Mariani..

Rivera ha sottolineato le molte cose fatte da Dolci negli anni del suo assessorato, a partire dalla rivalutazione degli impianti monzesi che, per la prima volta, hanno ospitato moltissimi avvenimenti di caratteri nazionale e internazionale, al sostegno dato alle associazioni di base, ai molti eventi organizzati dall'Amministrazione che hanno dato la possibilità a migliaia di cittadini di essere protagonisti nella pratica di numerosi sport.

La sera stessa, quasi in contemporanea, è stata la volta del segretario di Rifondazione Comunista, Franco Giordano, intervenire a un comizio in piazza Roma. All'ombra dell'Arengario, Giordano ha affrontato una serie ti temi di carattere politico generale ma si è anche soffermato sugli aspetti locali della campagna elettorale: «Mi piace proprio questa Monza –  ha detto il segretario del Prc dopo aver fatto, prima di arrivare al comizio, un giro per la città. – Finalmente si è superata la stasi di questa città, si vede il grande lavoro fatto, il recupero vero delle periferie e il riequilibrio: quando si amministra bene bisogna continuare. L'unico coniglio che posso dare è tenetevi questo sindaco, tenetevi questa coalizione di centrosinistra, un esempio di forte unità».

Sabato mattina è stata la volta del ministro della infrastrutture, Antonio Di Pietro che ha incontrato gli abitanti dei quartieri più direttamente interessati dai lavori per il tunnel di viale Lombardia e i Comitati per la galleria. «Voi siete i comitati che piacciono a me – ha detto loro Di Pietro – Siete i comitati "per" non i comitati "contro" e vi devo ringraziare per avermi dato una mano nel mio impegno per sbloccare questa opera così importante per Monza e la Brianza intera». Dopo i Comitati, Di Pietro ha ringraziato anche Faglia per l'impegno profuso affinché si sbloccassero i lavori, impastoiati da mille lacci burocratici e per aver contribuito con la progettazione della superficie. «Sono qui anche per manifestare agli elettori di Monza la mia stima per Faglia come amministratore e come persona – ha detto l'ex Pm di Mani pulite – e mi auguro che venga riconfermato alla guida di questa città».

Al pomeriggio sotto l'Arengario si è svolto un comizio di La Russa a favore di un Marco Mariani privatissimo (sono molto dimagrito, ha confessato) per i numerosi impegni, fino a 15 appuntamenti al giorno, della campagna. La Russa l'ha buttata in politica, insistendo su quello che sembra ormai definitivamente diventato il leit-motiv della propaganda elettorale del centro destra: «Mandare a casa Faglia per mandare a casa Prodi».
In mattinata era intervenuta anche Alessandra Mussolini che aveva intonato una sorta di scatenato "rap" contro l'immigrazione, dimenticandosi, o forse ignorando, di avere come candidato nella sua lista un personaggio condannato proprio per aver combinato finti matrimoni tra extracomunitarie dell'est e tossicodipendenti italiani. Quando si dice la coerenza…  Nel pomeriggio da registrare anche una "passeggiata elettorale" di Vittorio Sgarbi.

Oggi pomeriggio, alle 14.30. un altro ministro: Alfonso Pecoraio Scanio incontrerà Faglia per risolvere il problema del depuratore di San Rocco e poi incontrerà i cittadini al gazebo di Uniti per Monza in piazza San Paolo mentre alle 18 sarà di scena il presidente di Alleanza Nazionale, Gianfranco Fini, in un comizio all'Arengario.

In settimana altri grossi calibri: domani ci sarà Veltroni, giovedì Bossi e Fassino, venerdì Enrico Letta mentre è atteso un altro bliz di Berlusconi. La campagna per Monza entra nel suo caldissimo "rush" finale.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi