03 Dicembre 2020 Segnala una notizia

Cinque anni in un “semaforo”

10 Aprile 2007

20070410rapportoLuce verde per le cose fatte, gialla per quelle in corso e rosse per i punti non realizzati rispetto al programma del 2002 "viva Monza più viva".

È già arrivato a casa di molte famiglie monzesi e agli altri arriverà in questi giorni. Distribuito in quasi 60 mila copie, è il rendiconto di mandato della giunta Faglia: un fascicolo di 24 pagine che contiene il resoconto di quanto, in questi 5 anni di amministrazione della città è stato realizzato, con dati, cifre, spiegazioni, tabelle e notizie su tutti i settori comunali. Diviso in 4 capitoli, opere e servizi, urbanistica e ambiente, sicurezza e mobilità, si apre con la relazione delle principali iniziative assunte  e ogni punto di quello che era il programma elettorale del 2002 è contrassegnato da un "semaforo": verde, per ciò che è stato realizzato, giallo per quello che è in corso d'opera e rosso per quello che non è stato fatto.

«Sono raccolti gli aspetti più significativi, perché tutto non poteva starci e quindi sono stati messi in evidenza i punti legati al programma – ha precisato Faglia – Sono informazioni obiettive e utili per i cittadini. Con facilità si vede quanto è stato fatto in relazione al programma con cui nel 2002 i cittadini ci hanno eletto».

Il semaforo è verde nella maggioranza dei punti,  dall'adozione del Pgt,  all'apertura di Porta Castello e del Binario 7, dal cablaggio degli uffici comunali alla presentazione di tutti i bilanci secondo i termini di legge.

I semafori gialli sono un buon numero e ricordano come per la Villa Reale, il Museo della città, la riqualificazione di piazza Trento e Trieste, il Cotonificio Cederna i lavori siano già abbondantemente iniziati, come sia in corso l'aggiornamento del Piano urbano del traffico, come i vigili di quartiere siano stati introdotti anche se non in tutti i quartieri.

20070411_rapportofaglia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pochi i bollini rossi: il passaggio da tassa a tariffa per i rifiuti, l'istituzione dell'assessorato per i giovani, la nuova scuola materna di via Tazzoli o il nuovo assetto azionario di Agam. «Su questo punto, ad esempio – chiarisce Faglia – non si è trattato di una impossibilità ma di una scelta determinata dagli andamenti del mercato azionario che si sono venuto modificando in questi anni e ci hanno convinto a lasciare le cose come stanno». Ci sono anche le relazioni dei 14 assessori in cui ognuno indica i progetti più rappresentativi del suo lavoro.

Il fascicolo presenta anche una cronologia con gli avvenimenti più importanti vissuti da Monza a partire dal 2002: un colpo d'occhio che parte dall'alluvione del novembre 2002, passando per i principali contenziosi legali, Cascinazza, piazza Trento e Trieste, concorso della Villa Reale, tutti conclusi a favore dell'Amministrazione. Ci sono le inaugurazioni delle opere più significative e si parla dello stato dei conti della città, con una sua autonomia finanziaria al 92%, dei principali investimenti e delle. «Abbiamo riproposto la formula dei bilanci sociali di "Monza aperta, accessibile, integrata" – ha spiegato il vicesindaco e assessore al Bilancio, Roberto Scanagatti – La cronistoria seleziona i fatti che hanno condizionato la città in questi 5 anni. Sulle pagine economiche, invece, si vede come e quali entrate il Comune ha avuto e quali scelte sono state fatte per spenderle».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi