30 Novembre 2020 Segnala una notizia

Case comunali: botta e risposta Mariani-Marrazzo

7 Aprile 2007

20070407_via_stelvioIl candidato: la situazione preoccupante a causa di degrado e abbandono. L'assessore: siamo intervenuti e stiamo intervenendo. Che ha fatto lui quand'era sindaco?

 

(nella foto sopra,  gli ex lavatoi ristrutturati di via Stelvio )

Botta e risposta sulle case comunali: Il candidato del centro destra, Marco Mariani attacca l'amministrazione Faglia, l'assessore alle opere pubbliche, Antonio Marrazzo risponde. Sulla questione pubblichiamo integralmente entrambe le dichiarazioni.

20070406_via_vecellio

«La condizione delle case comunali a Monza è un problema importante, che mi sta particolarmente a cuore. Ad oggi, dopo cinque anni di amministrazione di centro sinistra, la situazione di queste abitazioni è pessima, basta andare in via Vecellio (foto), vicino a via Buonarroti per farsene un'idea. Queste palazzine dovevano essere ristrutturate entro settembre 2006. Ad oggi i lavori non sono ancora stati terminati, anzi, – ha continuato Mariani – la ditta incaricata ha solo iniziato ad intervenire sul sistema elettrico smantellando in tutte le scale il vecchio impianto obsoleto e lasciando ad oggi, quindi da due anni, fili elettrici scoperti e penzolanti e citofoni fuori uso. E' evidente in molti punti la fatiscenza degli edifici, con tettoie, cornicioni e profili danneggiati e cadenti. Il canceIlo esterno, non funzionando l'impianto elettrico, viene lasciato da anni aperto, con la conseguenza di un via vai di estranei che più di una volta, soprattutto di notte, hanno creato disagio e timore tra i residenti. I lavori edili veri e propri non sono mai iniziati. Ovviamente tutto questo ha comportato un disagio notevole per gli abitanti delle palazzine comunali di via Vecellio che da anni vivono in uno stato di precarietà e di disagio. Alcuni inquilini mi hanno poi comunicato un altro problema serio con il quale devono convivere ogni giorno, ossia la presenza di diversi occupanti abusivi che negli ultimi cinque anni hanno vissuto indisturbati illegalmente nelle case senza che siano mai stati eseguiti interventi di sgombero. Tutto ciò non è ammissibile. Non è accettabile – ha concluso Mariani – che coloro che abitano nelle case comunali debbano vivere in situazioni di estremo disagio. Affrontare il problema della casa non è un monopolio della sinistra,è anche e soprattutto una nostra preoccupazione. Il nostro obiettivo è quello di avere ulteriori finanziamenti da Aler e Regione per finanziare i lavori di ristrutturazione e per poter affrontare la manutenzione straordinaria. Pensiamo anche di dotare le case del comune di ascensori».
A stretto giro di posta è arrivata la replica, non meno documentata, dell'assessore Marrazzo: «Mi risulta difficile credere che al candidato Sindaco Marco Mariani interessino particolarmente le case comunali e comunque scopre solo ora di avere a cuore le condizioni dei cittadini che li abitano – ha dichiarato Marrazzo –  Se ne occupa adesso solo perché siamo in campagna elettorale, poteva farlo molto tempo prima. Perché diventa sensibile solo ora»?
«Quando al governo della città c'è stata la Lega (1992-1997), l'unica cosa di cui è stata capace, è stata la vendita di circa 100 alloggi senza preoccuparsi di fare anche solo un intervento di manutenzione straordinaria. Se Mariani avesse voluto davvero cominciare a dare risposte concrete, avrebbe potuto installare ascensori in alcune case comunali con i soldi ricavati da quella vendita. Non ricordo un atteggiamento particolarmente appassionato neanche quando si è trattato di recuperare gli alloggi di via Salvadori; secondo Mariani erano solo da buttare giù, così come non gli è mai venuto in mente di andare nelle case comunali quando, come Sindaco, aveva l'obbligo di farlo. Forse non sapeva neanche dove si trovassero le nostre case comunali. Adesso, guarda caso, è andato nell'unica casa oggetto di interventi di manutenzione straordinaria in cui è capitato il fallimento della ditta appaltatrice con tutto quello che questo fatto comporta: sospensione dei lavori eccetera».
20070403_via_giotto«Mariani si è ben guardato di andare laddove gli ascensori sono stati messi, vedi via Giotto (foto) ed Enrico da Monza, così come non andrà nelle cascine comunali completamente recuperate, né in via Silva a vedere i 30  alloggi che, noi sì, in stretta collaborazione con ALER e la Regione Lombardia abbiamo fatto. Adesso è facile fare promesse, dire che farà manutenzioni alle case esistenti e ne costruirà di nuove. I monzesi hanno buona memoria, soprattutto le nuove generazioni sanno che durante l'amministrazione della Lega prima, e di Forza Italia dopo, non è stato costruito neanche 1 mq di Edilizia Economica Popolare».
«Mariani non si è mai preoccupato – come consigliere comunale prima, come sindaco dopo e poi nuovamente come consigliere – di fare qualcosa per l'Edilizia Residenziale Pubblica. Se lo fa ora nasce un sospetto, ma i monzesi non sono così ingenui come qualcuno pensa».
«Sugli occupanti abusivi abbiamo sempre avuto un atteggiamento severo, infatti, solo due alloggi sono stati occupati durante la nostra amministrazione e anche per questi stiamo provvedendo all'allontanamento. Quando non c'era presenza di minori abbiamo fatto immediatamente liberare gli alloggi occupati».
«Infine, non c'è, e non vuole esserci, nessun monopolio da parte della sinistra e del sindaco Faglia sul tema casa; è un problema grave che deve interessare chiunque abbia veramente a cuore le condizioni dei cittadini meno abbienti».«Peccato che, dall'agenda dell'amministrazione leghista prima e di Forza Italia poi, sia stato cancellato il problema casa. Adesso c'è da colmare quel vuoto e noi abbiamo cominciato a farlo con atti concreti: 30 alloggi nuovi in via Silva, 5 in cascina Cantalupo, 13 in cascina Bastoni, 41 in cascina San Bernardo. Inoltre abbiamo previsto 4,5 milioni di euro per 60 appartamenti nella ex Centrale del Latte». «Forse Marco Mariani non sa che è stato pubblicato il bando per 6 interventi di Edilizia convenzionata per 120 alloggi. Finalmente le giovani coppie monzesi avranno delle certezze se vorranno organizzarsi il proprio futuro».«Marco Mariani dimostri altrettanta concretezza se vuole essere credibile sul tema casa e non cerchi di strumentalizzare il disagio di alcuni assegnatari degli alloggi comunali».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi