28 Novembre 2020 Segnala una notizia

Rassegna stampa del 13 marzo – locale

13 Marzo 2007

E’ nato il Pgt della discordia
Approvato dalla maggioranza di centrosinistra il nuovo Piano di governo del territorio Bagarre in Consiglio comunale: l’opposizione manifesta e poi abbandona l’aula
dal Giornale di Monza e Brianza del 13 marzo 2007

 

Venditori abusivi: sequestrati un migliaio di pezzi

 

Due ore da guardie e ladri tra vigili e africani domenica pomeriggio nelle strade attorno all’Arengario

da Il Cittadino del 13 marzo 2007

 

Porta, candidato col cuore biancorosso
“Per Monza oggi” ha debuttato in sala Maddalena con il vicepresidente dell’Ordine dei medici brianzoli
da L’Esagono del 12 marzo 2007

 

 

 

 

 

 

E’ nato il Pgt della discordia

Approvato dalla maggioranza di centrosinistra il nuovo Piano di governo del territorio Bagarre in Consiglio comunale: l’opposizione manifesta e poi abbandona l’aula dal Giornale di Monza e Brianza del 13 marzo 2007 

La città ha il suo nuovo strumento di pianificazione urbanistica. Venerdì scorso il Consiglio comunale ha approvato il terzo Piano regolatore (ora si chiama Piano di governo del territorio) in dieci anni. Una chiusura a sorpresa dovuta anche al clamoroso abbandono dell’aula da parte delle opposizioni, che non hanno così partecipato al voto dei settantaquattro emendamenti in discussione, evasi dalla maggioranza di centrosinistra nel giro di un paio d’ore. Scelta quella del centrodestra dettata proprio dalla bocciatura preventiva della stragrande maggioranza delle osservazioni presentate. Una serata tutt’altro che tranquilla quella di venerdì scorso. Presenti tra il pubblico molti militanti della Casa delle Libertà, «armati di cartelli» con scritte sulle Coop rosse, e anche personaggi illustri quali il candidato sindaco Marco Mariani, il senatore di An Alfredo Mantica, il deputato della Lega Nord Paolo Grimoldi, sbarcati a Monza per dare manforte alla clamorosa protesta della minoranza. Dall’altra parte, invece, la soddisfazione e l’esultanza della maggioranza. In primis il sindaco Michele Faglia. «Con questo voto evitiamo di consegnare Monza in ostaggio agli interessi immobiliari», ha dichiarato raggiante il primo cittadino, facendo un chiaro riferimento alla questione della Cascinazza e dell’area che fa capo a Paolo Berlusconi. E novità importanti sono arrivate anche su questo fronte. Il Consiglio di Stato, infatti, dopo il pronunciamento di un mese fa favorevole all’Amministrazione, con una nuova sentenza ha dato ragione al fratello dell’ex premier, sancendo l’obbligo del Comune di doversi pronunciare sul piano di lottizzazione.

 

Venditori abusivi: sequestrati un migliaio di pezzi

Due ore da guardie e ladri tra vigili e africani domenica pomeriggio nelle strade attorno all’Arengario

da Il Cittadino del 13 marzo 2007

Due ore tra “guardie e ladri”. Inseguimenti, fughe, vedette, imboscate, strategie. Alla fine però il bilancio è di quelli destinati a fare storia, almeno a livello locale. E’ ancora in corso la stima del maxisequestro di merce effettuato domenica dagli Agenti della Polizia locale, dopo due ore ininterrotte di “caccia” per le vie del centro ai danni dei venditori abusivi senegalesi. Sarebbe di oltre un migliaio di pezzi sequestrati il bilancio dell’operazione. Scarpe, occhiali da sole, borse, cinture, berretti, capi d’abbigliamento in generale, compact disc, dvd: domenica nel tardo pomeriggio il comando di via Mentana somigliava più ad un bazar all’ingrosso stipato com’era di merce di ogni tipo. L’operazione ha visto impegnati una dozzina di ghisa, col supporto di sue carabinieri della stazione di via Volturno, ed è durata dalla 17 alle 19, quando gli ambulanti erano in pieno organico, impegnati a cercare di vendere i loro prodotti alla gran massa dei cittadini, che domenica pomeriggio affollavano come sempre le vie dello shopping. Le strade interessate, dunque, erano soprattutto quelle dell’isola pedonale che confluiscono alla Piazza dell’Arengario. Via Cralo Alberto, ma soprattutto via Vittorio Emanuele e via Italia, strade privilegiate per gli improvvisati mercatini allestiti con le lenzuola stese a terra o con tavolini di fortuna ricavati con  qualche pezzo di cartone. Sicuramente si è trattato di un intervento piuttosto movimentato, tra inseguimenti e fughe a piedi. “Sembravano tecniche di guerriglia urbana”, commentavano i passanti che hanno assistito alla scena. I vigili sono stati costretti a giocare d’astuzia allo scopo di cogliere in trappola gli abusivi, e in modo da costringerli almeno a disfarsi della mercanzia. “ In questo genere di operazioni, arrestare i venditori implica anche dei rischi per i passanti”, spiegano dal comando dei vigili di via Mentana. Le possibili colluttazioni tra forze dell’ordine e abusivi, insomma, potrebbero andare a danno dell’incolumità di qualche cittadino, che trovandosi magari a passare nel momento sbagliato potrebbe essere travolto. Tutta la mercanzia comunque è stata trasportata nel deposito della Polizia locale. Sabato pomeriggio le proteste arrivavano da via Vittorio Emanuele. Secondo alcuni negozianti di quella via, infatti, gli abusivi avrebbero adibito l’edificio dell’ex Pretura a una sorta di “camerino” riservato ai loro clienti. Questi ultimi avrebbero approfittato della privacy del palazzo di giustizia, il cui ingresso era chiuso solo a metà, per potersi provare in tutta comodità scarpe e occhiali da sole messi in vendita dagli africani.

 

Porta, candidato col cuore biancorosso

“Per Monza oggi” ha debuttato in sala Maddalena con il vicepresidente dell’Ordine dei medici brianzoli

da L’Esagono del 12 marzo 2007 

Il simbolo, un cuore rosso su sfondo bianco. Per il resto, una campagna tutta in positivo. “Sono orgoglioso di poter ricoprire il ruolo di candidato sindaco. E’ una chance per ogni cittadino monzese. Alvaro Porta, vicepresidente dell’Ordine dei medici di Monza e Brianza e neo candidato sindaco per la lista “Per Monza Oggi” scende nell’agone della politica con toni pacati. Niente slogan e niente commenti sugli altri candidati alla prima poltrona. Su marco Mariani e Michele Faglia nemmeno una parola. “Il nostro programma – spiega Porta – partirà da un’agenda di impegni verso tutto quello che accade in città. Il mio punto di vista è di riuscire ad ascoltare il maggior numero di persone possibile in modo che ci aiutino a prendere le decisioni giuste”. Il programma è in fase di allestimento, mentre per i candidati che correranno insieme a Porta l’argomento è praticamente tabù: “La lista è l’ultima cosa da presentare” precisa Domenico Pisani, ideatore del progetto. L’ex plenipotenziario azzurro in Brianza, ora al Pirellone nel gruppo misto dopo l’uscita da Forza Italia si sbilancia solo su una cosa: “Ci sarà più di una lista anche in altri Comuni”. Lissone sarà la prima novità. Messaggio rivolto ai molti osservatori presenti sabato in sala Maddalena. Perché il ritorno di Pisani, proprio per gli azzurri infatti potrebbe significare guai. Nonostante l’incontro con Silvio Berlusconi, l’ex assessore regionale non ha intenzione di schierarsi con la Casa delle Libertà. Le uniche alleanze, ancora non ufficialmente nero su bianco, riguardano la lista Pensione e lavoro e il Movimento per le autonomie (Mpa) di cui era presente in sala l’onorevole Carmelo Lo Monte. Sarebbe auspicabile – prosegue Pisani – mettersi intorno a un tavolo con le liste presenti sul territorio per confrontarci sui programmi”. Tra le iniziative che Per Monza oggi avvierà ci sono dei gazebo sistemati nelle Circoscrizioni: “In questo modo raccoglieremo le impressioni e le opinioni della gente”, conclude il coordinatore. La corsa non sarà facile anche se l’obiettivo di guadagnarsi un posto al sole è a portata di mano. Porta può contare su un curriculum di prim’ordine. Medico stimato, molto noto negli ambienti monzesi e monzese a sua volta.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi